Non si rimborsa il biglietto

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

3 commenti su “Non si rimborsa il biglietto

  1. LucaV

    Corretto. A m il film è piaciuto, capisco benissimo che possa non piacere, però andarlo a vedere è una scelta consapevole: non è giusto entrare, non farselo piacere, e pretendere i soldi indietro.

    Altrimenti, per dire, io rivorrei quelli di X-men 3, Signs, Oxford Murders…tutte e tre ciofeche ben peggiori! :-)

  2. RicPol

    Ditemi che è uno scherzo. Se non lo è, mamma mia! Ma che razza di pubblico da cinepanettone può arrivare a chiedere il rimborso del biglietto per un film d’autore appena un po’ eterodosso, e certo non dei più difficili… Ma gli fosse mai capitato di vedere “L’arpa birmana” che avrebbero fatto, dato fuoco al cinema?
    Ok, se è uno scherzo sto per farmi una figura da vecchio pedante. Ma se non lo è, qui ci starebbe una piccola riflessione su come oggi il pubblico non abbia la pazienza di decodificare neppure la più piccola deviazione dal mainstream…

  3. Pingback: Attenzione: pericolo di arte « Federico Platania

Commenti chiusi