Il palloncino saziante, parte 2

La pillola autorigonfiante, che si trasforma in palloncino nello stomaco e aiuta a perdere peso (dice la pubblicità), sta passando dei guai. Il procuratore aggiunto di Torino, Raffaele Guariniello, ha avviato, nei confronti dell’azienda produttrice, la Lloyd Pharma, un procedimento penale perché quest’ultima non ha sospeso la pubblicità del prodotto (nome commerciale: Dimagenina) nonostante il ministero della Salute ne avesse ordinato l’immediata cessazione. L’azienda avrebbe violato l’articolo 650 del Codice penale che considera reato l’inosservanza di un provvedimento dell’autorità.

(qui la parte 1)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Il palloncino saziante, parte 2

  1. Hytok

    L’articolo 650 non doveva essere applicato pure quando ad Adro si rifiutarono di rimuovere i simboli leghisti dalla scuola?

Commenti chiusi