Con la musica

È uscito negli Stati Uniti un film del regista Cameron Crowe, con Matt Damon, che si chiama We bought a zoo: è la storia di una famiglia inglese che va a vivere in campagna in una tenuta che è uno zoo pieno di animali esotici (in Italia arriva a marzo).
Cameron Crowe è un grande appassionato di musica: cosa che ha raccontato in “Almost famous”, uno dei più bei film sul rock di sempre. Qualche mese fa è uscito il suo documentario dedicato ai vent’anni dei Pearl Jam. Per We bought a zoo ha fatto scrivere le musiche a Jonsi, il leader della band dei Sigur Ros: sono islandesi, eterei e ipnotici, e hanno avuto un gran successo qualche anno fa (è appena uscito un loro doppio live e faranno un disco nuovo l’anno prossimo). Crowe ha raccontato che per convincere Damon a fare il film gli aveva portato una copia di Local Hero (un vecchio film con le belle musiche di Mark Knopfler) e una raccolta di canzoni rock che gli dessero la sensazione di quello che voleva raccontare. Damon ne è rimasto colpito e nei giorni scorsi ha raccontato di quanto ascoltare la musica di Jonsi sia stato importante nel coinvolgerlo durante la recitazione del film: “va dritto al cuore, non è razionale, se sei un attore ti tira fuori le cose”. E Crowe ha spiegato che per la troupe e Damon la musica è diventata quello che è sempre stata per lui: “una specie di partner emotivo”. Quello è, la musica.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Con la musica

  1. albertog

    Ho finito da 5 minuti di vedere Elizabethtown e durante la scena del viaggio finale pensavo giusto che più che una storia d’amore per una ragazza era una storia d’amore per la cultura americana e mi vedevo Kirsten Dunst vestita come l’Italia turrita.

Commenti chiusi