La vita è adesso

Conosco i meccanismi di bastiancontrarismo e sappiamo tutti quanto criticare dia più l’illusione dell’affermazione di sé che non approvare: quindi metto in conto che lo spot elettorale di François Hollande per le elezioni presidenziali francesi, se fosse stato usato qui dal PD, sarebbe stato accolto da una parte di scherno e indignazione a prescindere (come è avvenuto peraltro in Francia).

E non dico mi piaccia o mi convinca. Avrei provato, per scongiurare le accuse di troppa leggerezza (per carità, siamo seri!), ad alternare le ripetizioni dello slogan e il gesto con un’elencazione di temi veri e concreti e di esempi di questo “changement”.

Però. Però trovo apprezzabile la scelta di provarci, a fare una cosa diversa, a fare una cosa che coinvolga, motivi e unisca, e con un approccio ottimista e positivo. A pensare che la comunicazione percorre strade diverse, a porsi il problema di quella che non ha funzionato e cercarne altre. Poi che ci siano riusciti, ripeto, è tutto da dimostrare (magari sì, e passerà malgrado i lazzi): ma coraggio e invenzione, se non producono risultati maintenant li produrranno domani. Quando non ci sono, non cambia niente.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

25 commenti su “La vita è adesso

  1. 1972

    Gentile direttore, perché da mesi censurate tutti i miei commenti sul Post? Ieri un altro, che non conteneva insulti ed era perfettamente in tema.

    Saluti.

    Enzo Reale

  2. Luca

    Se leggi la sezione Moderazione dei commenti ci sarà senz’altro la risposta. E se devi chiedermi cose, mandami una mail, se no devo eliminare i tuoi commenti off topic anche da qui e poi gridi alla persecuzione.

  3. 1972

    Caspita, mi ha risposto. Ma allora esisto? Mi spiace ma il commento (i commenti) era (erano) perfettamente in linea con le regole della moderazione. Quindi devono esserci altre spiegazioni.
    Lei continui a ridere Whiteyes. In mancanza d’altro. Saluti.

  4. whiteyes

    Non voglio essere off-topico.
    1972, ma chi sei? Io commentavo il video. Chiaro?

  5. whiteyes

    Il video è simpatico e, ad un certo punto (se non sei incazzato col mondo), ti scappa il sorriso…

  6. Fulvio

    Capisco poco di video e quindi non mi pronuncio in merito. Mi viene però da chiedermi, visto che alla verifica dei fatti il ‘change’ di Obama è risultato per alcuni (molti?) versi piuttosto deludente, se la gente in generale non abbia cominciato a diffidare un po’ di chi promette cambiamento (e subito per di più).

  7. Michele Luzzatto

    A me fa subito venire in mente “Italia … Unoooo!”. Il che forse dice qualcosa sulla comunicazione, sulla comunicazione in politica, sulla comunicazione nella politica italiana ecc. Comunque sono convinto anch’io che il modo in cui le istituzioni (non solo i partiti, ma anche gli uffici, le università ecc.) parlano debba cambiare.

  8. sandolinic

    per me funziona!
    mi sono occupato da profano e sperimentando di questo tipo di comunicazione e mi pare di aver capito che una cosa fondamentale è utilizzare bene i diversi canali. Credo che questo spot sia ottimo per youtube, non funzionerebbe alla TV. Insomma, non esiste una soluzione comunicativa per tutto e ci si deve rassegnare e diversi linguaggi e strumenti.

  9. reb

    @fulvio: non abbiamo bisogno di guardare all’america per trovare esempi di politici che hanno promesso cambiamenti che son rimasti tali solo nelle parole di chi li ha pronunciati e ancor di piu’ ce ne stiamo accorgendo ora che i cambiamenti pare li stiano attuando davvero
    anche a me il video ha strappato un sorriso e si, credo che una buona comunicazione sia importante; e’ ovvio che per essere credibile, dev’essere poi supportata da scelte e comportamenti adeguati, altrimenti alla seconda tornata diventa un boomerang

  10. Steve Romano

    Non per vantarmi ma non ho capito, come al solito. Quel gesto, che cosa vuol dire? «Cambiamento» nel linguaggio francese dei segni, forse?

  11. 1972

    Pubblicato sul Post! La battaglia per il riconoscimento della mia dignità di persona è stata vinta. Non sono più una zecca. E’ proprio come dice il titolo sopra, la vita è adesso. Se dico che sono di sinistra, come Rocca, mi date un posto da collaboratore?

  12. linus

    In quanto francese e di sinistra, non posso che condividere il bisogno di cambiamento da cui il mio paese ha bisogno. Questo spot tutto sommato è anche simpatico.
    Mi chiedo però fino a che punto questi strumenti di comunicazione siano veramente utili per il buon funzionamento della democrazia: non c’è il minimo accenno a al tipo di cambiamento che ci è proposto… L’obbiettivo della politica non deve essere di procurare la vita migliore possibile attraverso una buona gestione della società a cittadini consapevoli delle scelte fatte? Senza condividere il tanto diffuso disfattismo di quelli che pensano ‘intanto sono tutti uguali’, non sarebbe tempo di smettere di vendere la politica ai cittadini con delle tecniche di venditori di detersivi?

  13. Steve Romano

    Ah, aspetta, forse ho capito: gioca sull’etimo di maintenant, «main tenant»?

    Mah. Che puttanata alla francese, proprio…

  14. marquinho2

    Steve, credo che il gesto con le braccia voglia raffigurare l’H di Hollande

  15. Al

    Dopo “Italia Unooo” arriva “Francia Accaaa”
    Se vincerà Hollande potranno sempre dire che l’avevano detto: “Un’ acca vi seppellirà”
    Al

  16. Steve Romano

    @marquinho2: grazie, non ci sarei mai arrivato. Il dibattito politico odierno è troppo raffinato per me.

  17. fausto57

    @1972 : non per deluderti ma guarda che qui non sei sul Post, sei su Wittgenstein. Sicuro che era qui che non venivano pubblicati i tuoi commenti? Magari eri da un’altra parte, in un altro sito. Distratto.

    Quanto al video dipende da quando sono le elezioni in Francia. Se lo passano frequentemente dopo due mesi sarebbe assolutamente insopportabile.

  18. linus

    Le elezioni sono a fine aprile. Ma quello spot al massimo si vedrà solo nei meeting di Hollande e in alcuni spazi riservati in televisione, ma assolutamente mai nei spazi pubblicitari, in cui è vietato la diffusione a scopo politico.

  19. carlo

    chiedo: siamo poi così distanti da quel “rimbocchiamoci le maniche” di cui tanto male si era parlato?

  20. Sauron

    Ma non ci avevano frantumato i coglioni dicendo che non bisogna fare gli spot elettorali perchè non li fa nessuno al mondo? Invece a me pare di vederli in America, Germania, Francia e magari anche altrove. E allora?

  21. Vasiliy Stepanov

    Interessante, Sauron. Chi sarebbero queste persone secondo cui nessuno al mondo fa spot elettorali? Nomi e link, grazie: non vorrei che fosse una fantasia tua.

Commenti chiusi