Tour

Diario parigino. Entro in una libreria di Montparnasse e chiedo della biografia appena uscita di Jacques Anquetil. Il commesso mi chiede: “Ma chi è?”. Chiamo il direttore. “Il vostro commesso – dico – non sa chi era Jacques Anquetil”. Il direttore al commesso: “Sei il disonore della Francia!”

(Sofri, quello anziano, sul Foglio di oggi)

Altre cose:

11 commenti su “Tour

  1. cristiano valli

    credo sia una tradizione consolidata della sinistra extraparlamentare. non ti discuton mai di te con nulla, vanno dal tuo capo a pretender che ti metta in riga. e dal capo non si aspettan di meno.

    francamente non saprei dirti se lo stalinismo abbia avuto direttamente o indirettamente un peso in tutto ciò, o se sia una inclinazione naturale.

  2. Vasiliy Stepanov

    Antropologia spicciola: mentre la sinistra extraparlamentare gode nell’umiliare commessi di libreria, forse per il retaggio stalinista, i moderati e liberaldemocratici italiani si eccitano umiliando camerieri, come si può notare praticamente ogni volta che si va al ristorante o anche solo in pizzeria. Che dipenda dal retaggio fascista?

  3. Esau Sanchez

    Stalinismo, retaggio fascista, ristoranti… Ma poi, se la biografia era appena uscita, non stava in bella mostra al centro del locale?

  4. Steve Romano

    Ha tutta l’aria di un aneddoto fittizio, probabilmente pretesto per l’articolo che introduce (che non ho letto).

  5. Piccola Dorrit

    Dell’interpretazione dell’aneddoto non mi curo troppo… semmai, azzardo, un maggior e ben noto sciovinismo dei cugini francesi – solleticato dal Sofri?- che ne dovremmo avere un po’ anche noi, invece di disprezzare per primi i nostri campioni.
    … un’occasione, invece, per ricordare Anquetil, di cui m’ero invaghita da ragazzina, il normanno… la posizione a uovo… così ermetico diverso ed ermetico rispetto ai nostri corridori, per il quale mi sorbivo il processo alla tappa, con tutti le storie da domenica del corriere, di mamme sorelle e nonne, di Zavoli.

  6. cristiano valli

    sorry dorrit, ma ‘nostri’ de che? io apprezzo le persone, non mi inorgoglisco più o meno a seconda del loro passaporto come fosse un mio merito esser nato a mia insaputa in questo o in quel paese lì.

  7. davide.vitullo

    Ricordo che parecchi anni fa Sofri, quello anziano, aveva problemi seri di salute.
    Se è a Parigi per librerie, probabilmente ora sta meglio.
    Sono contento per lui e per i suoi cari
    (NON è sarcasmo)

  8. trentasei

    Che brutta cosa quella di chiamare il direttore, davvero brutta. “Ah, signora mia, non c’è piu religione, ma fortuna che c’è il direttore a raddrizzar la schiena a quel debosciato d’un commesso ignorante! “. Mah.

  9. Piccola Dorrit

    Scusate se insisto, ma l’aneddoto è scherzoso e serve a mettere in luce il carattere francese, non ad umiliare un commesso! Sofri prende la palla al balzo e la lancia con assist preciso al direttore francese. A me interessa perchè la sua incomprensione su questo blog serve a mettere in evidenza quanto siamo diversi noi italiani.

Commenti chiusi