Manco mi ricordo il titolo, In compagnia di qualcosa

Quando ero giovane uscì a un certo punto un film che si chiamava “Sul lago dorato”, ed ebbe qualche attenzione perché c’erano Henry Fonda e Katharine Hepburn assai anziani e facevano simpatia, e uscirono quelle pagine di costume sui giornali sulla terza età eccetera.
Ecco, il film di Robert Redford che ho visto al cinema oggi è un po’ la versione film d’azione di “Sul lago dorato”, con alcuni miti del cinema vecchissimi e malandati che fanno simpatia. Per il resto, è assai debole: che vuol dire che comunque te lo vedi perché è un film americano con l’intrigo e l’azione, ma è tutto da sei e mezzo in pagella. Anche se i dialoghi non sai quanto fossero scarsi già all’origine e quanto siano stati peggiorati da una traduzione maldestra come di consueto. Metteteci che Robert Redford ha pure un altro doppiatore.
Alla fine, quello di buono che resta è la frase “Essere innocenti non basta”, e l’invenzione che il protagonista onesto e “innocente” della storia – il giovane reporter – sia un po’ meschino e mediocre. Ma la linea del film è anche che gli scoop si fanno facendo il cascamorto con le ragazze che abboccano e ti passano le notizie: abbiamo visto di meglio, sul giornalismo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

3 commenti su “Manco mi ricordo il titolo, In compagnia di qualcosa

  1. werner58

    Capisco la recensione, epperò appena ho letto la trama ho pensato che questo è, per forza, “Il ritorno di Martin Bishop”. Dunque dovrò andarlo a vedere comunque, e immaginerò che tra i suoi ricordi Grant tenga una vecchia segreteria telefonica anni ’80 con un curioso chip all’interno…

    Chi non ha capito, può leggere http://www.imdb.com/title/tt0105435/

  2. mauro sanna

    Da quando è morto Cesare Barbetti (suo storico doppiatore) neanche io riesco a trovare credibile Robert Redford. Stessa cosa mi accade con Dustin Hoffmann da quando è morto Ferruccio Amendola, ma la verità è che i due fanno film molto peggiori da un po’ (soprattutto Redford).

Commenti chiusi