Sul disco nuovo di Bowie

La rivista inglese New Musical Express ha scritto che al nuovo disco di Bowie non bisogna “concedere un credito a priori perché lui è quello di Heroes”, ma ascoltarlo e goderselo imparzialmente. Ma è una parola: lui è quello di Heroes, e di tutto il resto (e ha fatto una copertina che cita quella di Heroes, per non correre rischi che ce lo dimentichiamo). Fare lo sforzo di immaginare “The next day” come il disco di una nuova e sconosciuta band britannica, e di immaginare il nostro conseguente giudizio è un’impresa: anche se di sicuro il cantante della band ha una voce con una sua nasalità indimenticabile capace di trasformarsi in cavernosa e calda nel giro di un respiro, e il singolo è una ballata di dolcezza malinconica davvero rara per dei musicisti così giovani, così come molte riflessioni sul tempo che passa. E poi in questi tempi costruire canzoni dagli arrangiamenti così ricchi senza sconfinare nella maniera o nella ripetizione è cosa che riesce a poche band. Certo, bisogna essere un po’ diffidenti quando un disco di esordio riceve lodi così diffuse e unanimi sulla stampa britannica, specializzata e non: spesso è una reazione a catena, conformista. Ma nel complesso il disco è davvero bello, e diverse canzoni sono proprio un piacere da ascoltare, bisogna riconoscerglielo, a questi ragazzi. Sembra quasi un vecchio disco di Bowie.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Sul disco nuovo di Bowie

  1. Pingback: monumentum aere perennius | cheremone

Commenti chiusi