The soap opera effect

Da qualche anno insisto con i miei congiunti che la televisione di mio padre si vede strana. Loro non capiscono cosa intenda, e io fatico a spiegarglielo.

– Si vede strana.
– Ma come strana?
– Non c’è qualcosa che non va nell’audio?
– Io sento benissimo.
– No, forse nella sincronizzazione dell’audio. È tutto come lento…
– Papà, è normalissimo!
– Io lo vedo strano, si muovono strani…
– Ma la guardi mai la televisione?
– A casa nostra non è così.
– Cioè, ti sembra diverso che a casa nostra?
– Sì, è diverso! Qui fa un effetto artificioso…
– La piantate che non sento niente!
– (È come se guardassimo una fiction, non un film…)
– …
– (Mi pare di vedere Un posto al sole, ma con Clooney…)
– …
– (Vabbè…)

Questa conversazione si ripete tutte le volte che andiamo a trovare mio padre e guardiamo la sua tv. Io vedo qualcosa di strano – che rovina i film e li fa sembrare robaccia malfatta – e gli altri no. E per giunta, non riesco a spiegarlo meglio di così, e sembro matto.

Qualche giorno fa mi è capitato con un altro televisore, a casa di amici, con un gruppo di ragazzini che guardava un film.

– Ma non vi sembra si veda strana, questa tv?
– …
– Non sono tutti come rallentati?
– …
– No, eh?
– …

Così, mi è tornato in mente, il giorno dopo, e ho fatto quello che bisognerebbe sempre fare in questi casi di solitari dubbi e frustrazioni: condividere. C’è sempre qualcuno che sta come te (e una simile proporzione di altri che pensano tu sia matto).
E infatti, NON ERO MATTO. E benché ora sappia che molti di voi là fuori avevano già tutto chiaro e nessuno mi diceva niente, spero con questo post (grato) di sollevare dall’angoscia altri che si trovassero ancora nelle mie stesse antiche sofferenze.

The Soap Opera Effect, or SOE, is actually a feature of many modern televisions. It’s called “motion smoothing,” “motion interpolation,” or “ME/MC” for motion estimation/motion compensation. Some people don’t notice it, some don’t mind it, and a few even like it. From e-mails and article comments I’ve read, it seems most people hate it.

The soap opera effect. Pensa. Un posto al sole. Non ero matto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

3 commenti su “The soap opera effect

  1. matteodefelice

    Ho avuto la stessa identica sensazione passando ad un nuovo televisore con tutte queste ottimizzazioni attivate di default. L’interpolazione aumenta il numero di frame, facendo assomigliare il cinema alle fiction televisive. Oltretutto penso che alcune ottimizzazioni aggiungano un effetto ‘smarmellamento’ non da poco…

  2. Emiliano

    Da quando ho un tv led le ho provate tutte. L’unica soluzione è disattivare tutto.
    All’inizio cercavo anche di spiegare a parenti e amici come funziona, ma ho lasciato perdere.
    Alla gente va bene così.
    C’è perfino chi guarda i 4/3 “spalmati” su 16/9 e non nota niente di strano…

  3. splarz

    Ma è l’opzione film? È data dalla frequenza maggiore. Credo che lo straniamento sia dovuto soprattutto al fatto che l’occhio s’accorge meglio della differenza tra il movimento delle labbra e ciò che viene detto.

Commenti chiusi