C’è, una linea

A contestare il superficiale e pigro luogo comune che alla satira debba essere permesso tutto è arrivato persino Garry B. Trudeau, autore di Doonesbury, in un articolo (tratto da un suo discorso) intitolato “Abuso di satira”. L’abuso di satira esiste, i limiti della satira esistono.

A un certo punto l’assolutismo della libertà di opinione diventa infantile e poco serio. Diventa a sua volta un fanatismo.

(obiezioni di David Frum – ma soprattutto su un altro punto di Trudeau – qui)

p.s. prima che ci siano sbadati equivoci: per limiti della satira – come di ogni cosa dibattuta – si intendono limiti oltre i quali do un giudizio negativo di quello che fai: penso che tu sia un cretino, un incosciente, un presuntuoso, un prepotente, un violento, e non valga l’alibi che “la satira è libera” per giustificarlo moralmente. Non che ti si debba arrestare: la libertà è una cosa, il modo in cui la usi è un’altra. I reati sono una cosa, i comportamenti stupidi un’altra.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: