While my guitar gently sleeps

Elvis Costello ne combina parecchie. Mentre si annuncia per maggio una sua opera dedicata al sound di New Orleans in collaborazione con Allen Toussaint, esce – per la Deutsche Grammophon, etichetta-mito di musica classica che lui ha piegato ai suoi voleri più inventivi – un cd registrato dal vivo che “spiega cosa ho fatto negli ultimi dodici anni quando non avevo una chitarra in mano”. Un po’ lo sapevamo già, cosa aveva fatto, soprattutto grazie a quel bellissimo disco di sue canzoni arrangiate all’antica che si chiamava “North”. Questo è “My flame burns blue”, suonato a L’Aja con la Metropole Orkest, un orchestra olandese di jazz e archi insieme. Non vi bastasse, la copertina – grafica che cita il premingeriano “Anatomia di un omicidio” – è bellissima

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: