“Noi siamo i buoni, cerchiamo di dimostrarlo”

Sono ormai anni che cito come uno dei motti preferiti di questo blog una frase di Thomas Friedman: “noi siamo i buoni, cerchiamo di dimostrarlo”. Ogni tanto qualcuno mi chiede come fosse nell’originale, e allora ho fatto delle ricerche, ma non sono mai riuscito a trovare la fonte esatta. Va’ a sapere cosa aveva detto, Friedman.

Adesso ho ricostruito. Lui l’aveva detta in un altro modo, qui, cinque anni fa:

If we are going to be stomping around the world wiping out terrorist cells from Kabul to Manila, we’d better make sure that we are the best country, and the best global citizens, we can be. Otherwise, we are going to lose the rest of the world”

La sintesi è evidente mia, ma anche “dr. Livingstone I presume” pare non l’abbia mai detto nessuno, in realtà

New York Times

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su ““Noi siamo i buoni, cerchiamo di dimostrarlo”

  1. Pingback: Wittgenstein » Blog Archive » Non ti scaldare

Commenti chiusi

Repudica
La più antica professione del mondo