Aggregami questo

Ho già scritto altre volte che l’accusa fatta a blog e siti internet di saccheggiare i contenuti prodotti dai giornali non ha senso: che non ci sia niente di male nel citare notizie scritte e trovate da altri è testimoniato dal fatto che lo fanno ogni giorno gli stessi giornali di carta, e senza neanche links o benefici per i citati.
Ma quello che ormai succede di frequente è che i siti degli stessi quotidiani si comportano esattamente come i blog che riportano e linkano i loro contenuti: scrivendo articoli che riassumono – senza linkare – quello che si è scritto su siti e blog. Un esempio è qui: tra l’altro non c’è nessuna notizia, solo le illazioni di un blog e dei suoi commentatori.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

2 commenti su “Aggregami questo

  1. Gabriele Farina

    Vecchia storia quella dei giornali che fingono di comportarsi come i blog, evitando però accuratamente le regole basilari della rete.
    Ultimamente qualcosina inizia a muoversi, ma “ina-ina”.

  2. carla

    Primo commento su questo blog, che seguo da un paio d’anni.

    Tvblog non è esattamente “un blog” ma uno dei siti più seguiti sulla tv italiana. Si può essere d’accordo o no con la sua linea editoriale, ma è innegabile che spesso abbiano (e pubblichino) più anticipazioni dei quotidiani “seri”.

    Tvblog fa parte del network Blogo.it, controllato a partire dal 2008 da Rcs Media Group, ovvero da chi sta dietro al Corriere. Mutatis mutandis, sono colleghi e si possono citare a volontà.

    Sul link, non link, e sulla liceità dell’ispirazione, concordo col post.

Commenti chiusi