Love stinks

Non molti di voi si ricorderanno di Peter Wolf. Ad appena due o tre dirà qualcosa un’informazione in più: era il frontman della J. Geils Band.
Roba di anni Ottanta, e anni Ottanta americani. Quello stesso mondo che ci diede i Cars di Ric Ocasek (noto poi ai rotocalchi per avere sposato una delle prime supermodelle, Paulina Poriszkova). Ma i Cars fecero il botto in mezzo mondo, soprattutto col ballatone “Drive”. La J. Geils Band prosperò su Videomusic quando ancora aveva sede al Ciocco, ma da noi non lasciò memorie durature, appunto. Roba di anni Ottanta, acconciature bizzarre e ragazze.

Invece gli americani ancora ne parlano. Il Wall Street Journal ha celebrato con un articolo il nuovo disco di Wolf. E ha ricordato che prima che ce ne accorgessimo noi quattro, quaggiù, la sua band aveva una storia di blues che partiva dagli anni Settanta. Noi invece ce ne eravamo accorti solo perché la J. Geils Band capì l’aria che tirava e produsse una serie di video con ragazze in bikini, à la Aerosmith (con cui condividono il circondario, in Massachusetts). Adesso, a 64 anni, Wolf – che al Wall Street Journal dice di aver sofferto molto lo scioglimento della band, paragonandola agli U2 e ai Rolling Stones – si è buttato più sul country. Ma ad agosto ci sarà un concerto a Boston della J.Geils Band riunita. Assieme agli Aerosmith.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

2 commenti su “Love stinks

  1. DB

    Ricordando ad esempio “Centerfold” sono un poco spiazzato da questa notizia della svolta country di Wolf, che sinceramente avevo perso d’udito.
    Certo mi stupisco di più nel vedere Sgarbi nei banner pubblicitari Cepu.

  2. pizzeriaitalia

    Concordo… “Centerfold” più di “Love Stinks”…
    Vogliamo anche ricordare che fu J. Geils band ad aprire il concerto dei Rolling Stones a Napoli nel 1982 ?
    E non furono neanche male…

Commenti chiusi