Leggere i giornali a Gerusalemme

Nove anni fa, provavo da poco a fare il giornalista diciamo, andai a Gerusalemme mandato da Max, e scrissi questo. Mentre ero lì, naturalmente, me ne innamorai, e di tutte le storie che potevo raccogliere. Così, già che c’ero, scrissi anche delle cose per il Foglio, tra cui qualche resoconto di quello che scrivevano i quotidiani israeliani in quei giorni: avevano ammazzato il ministro del Turismo in quei giorni.
Quando tornai, al Foglio mi proposero di continuare a fare quasi quotidianamente una rassegna stampa israeliana, approfittando di un ricco e dettagliato lavoro di traduzione in inglese fatto da un servizio destinato ai corrispondenti esteri, e delle prime versioni online dei giornali. Chiamammo la rubrica Amud Rishon, che vuol dire banalmente Prima pagina, ma suona più esotico. Andai avanti per diversi mesi, e mi ci appassionai molto (me ne è rimasto ben poco): poi passammo ad altro.

Ieri abbiamo raccontato sul Post cosa diceva Haaretz del disastro di ieri mattina. Oggi ho scoperto il bel blog di Leonard Berberi sulle cose di Israele e Palestina, che proprio oggi ha un bel post di rassegna stampa israeliana.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Leggere i giornali a Gerusalemme

Commenti chiusi