La divisione tra i poteri

Repubblica stamattina apre in prima pagina sulla notizia che la magistratura romana voglia ascoltare Silvio Berlusconi nelle indagini sulla ghenga Carboni.
I magistrati allora smentiscono di voler ascoltare Silvio Berlusconi.
Il sito del Corriere lo scrive.
Il sito di Repubblica no.
Il sito di Repubblica cambia la homepage e scrive: “Voci su una convocazione da parte della magistratura romana (…) La procura smentisce”.
Il link è all’articolo intitolato P3, l’inchiesta tocca Berlusconi. La procura: “Lo ascolteremo”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

4 commenti su “La divisione tra i poteri

  1. Pingback: E se domani Feltri… « ilNichilista

  2. andrea61

    Purtroppo e’ da troppo tempo che Repubblica perde lucidita’ quando c’e’ di mezzo il Berlusca comportandosi come un Giornale o un Libero qualsiasi.
    Lo considero uno dei tanti esiti malsani della presenza di Berlusconi in politica.

  3. lcn03

    Bellissimo quel “Voci su una convocazione…. etc”. Chi le ha messe in giro quelle voci? Repubblica, naturalmente, ma questo meglio non scriverlo. Sono forse i primi effetti della legge bavaglio, prima ancora della sua approvazione?

    Bellissimi anche i commenti. La colpa delle caxxate di Repubblica è di Berlusconi, che gli fa perdere lucidità.

Commenti chiusi