Linus per la giacchetta

Quattro anni fa intervistai Linus per Vanity Fair e l’intervista fu titolata riprendendo un po’ liberamente l’unica battuta su Fabio Volo, che sembrò così più critica di quello che era. Mi scusai con Linus, e lui mi disse di non preoccuparmi. Oggi, però, si è incazzato.

Siccome forse sono davvero stronzo ma non ancora del tutto scemo e soprattutto conosco il disperato bisogno di attenzione che assilla il mondo dell’editoria, cerco di non cadere nei piccoli tranelli che mi vengono posti. Tra i quali, il preferito è quello di mettermi contro Fabio. Con il quale invece ho un rapporto davvero bellissimo, specie da un paio d’anni a questa parte. Ma le belle notizie non fanno notizia, così il mio “è bravissimo a cucinare un gran piatto partendo dal nulla” che in italiano è un complimento, è diventato “serve un gran piatto ma cucina il nulla”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Linus per la giacchetta

  1. Esau Sanchez

    Vabbe’, il titolo della tua intervista a Linus (qualcosa tipo “Non mi parlate di Volo”), non mi sembrava così cattivo, anche perche’ lui dice che si sentiva del tutto all’opposto rispetto a Volo.

    Ma ora, ionvece, dove si trova l’intervista di Bagnasco il cui titolo ha fatto così imbufalire Linus?

Commenti chiusi