Per la pubblicità, senza pubblicità

Oggi per mostra e dimostra vorrei parlarvi di una cosa che forse vi siete chiesti, che forse vi siete anche risposti, o che forse no. Ovvero del perché un crescente numero di programmi televisivi sia spezzato in un’introduzione iniziale a cui è dato un diverso nome (“anteprima di”, “prima di”, “in attesa di”, “Ante-“ “Quelli che aspettano”, eccetera”) e il programma vero e proprio. Con a volte persino un’ulteriore sezione finale a sua volta ribattezzata.
È un trucco da Auditel. In sostanza, serve a isolare la rilevazione solo sulla parte del programma che fa ascolti maggiori: vuoi perché gli ascolti maggiori si fanno nella parte centrale (o finale, ma non sempre), vuoi perché le interruzioni pubblicitarie abbassano i numeri complessivi del programma. E quindi, essendo le interruzioni in numero fisso, si “scarica” la prima (e a volte l’ultima), eliminandola dal corpo della puntata e avviando il conteggio solo dopo che è terminata. Così, gli ascolti di cui leggiamo rispetto a tutti questi programmi sarebbero di fatto più bassi, se valutassero più correttamente la puntata dal suo inizio alla sua fine. Ma è anche vero che le variabili che gravano sui numeri finali sono così tante (controprogrammazione, accavallamenti, pubblicità, fasce orarie, traini), che i suddetti numeri valgono quel che valgono: a ottenere pubblicità. Che alla fine paga in base a numeri che la escludono, ed è un bel cerchio che si chiude.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

5 commenti su “Per la pubblicità, senza pubblicità

  1. gegio7

    Ho sempre pensato che servissero ad aggiungere blocchi pubblicitari… beh, buono a sapersi

  2. pizzeriaitalia

    Se non ricordo male già qualche anno fa Antonio Ricci faceva apparire in testa e coda del primo blocco di Striscia la notizia un ideogramma che annunciava l’inizio e la fine di una trasmissione “autonoma” da Striscia.

  3. Oznerol

    E il sole? Qualcuno sa spiegare perché a un certo punto scompare, e dopo qualche ora ricompare?

  4. Pingback: Artifizi « Il cappello del giullare

Commenti chiusi