Once serious

Sul tema che in pubblico chiamiamo nobilmente “della gerarchia delle notizie”, ovvero sulle fesserie che i giornali deresponsabilizzati privilegiano sulle notizie vere, è nata una discussione tra il direttore del New York Times e Arianna Huffington.

The queen of aggregation is, of course, Arianna Huffington, who has discovered that if you take celebrity gossip, adorable kitten videos, posts from unpaid bloggers and news reports from other publications, array them on your website and add a left-wing soundtrack, millions of people will come.

(che visto dall’Italia, almeno ha i “news report from other publications”)

Keller ha ragione sull’esistenza della questione, ma sbaglia obiettivo, per pregiudizio. Lo Huffington Post ha dentro di tutto e deve soprattutto alla quantità il suo successo: in mezzo alla massa di liste di qualunque cosa, scemenze, strano-ma-vero, ci sono anche notizie, storie e commenti ottimi e raccolti dalle migliori fonti. Fossi io il direttore, toglierei le scemenze: ma fossi io il direttore, sarebbe il Post, e AOL lo pagherebbe un po’ meno.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Once serious

  1. pla8

    qual è il pregiudizio di keller? esaltare la qualità del nyt? è normale che il direttore difenda il suo lavoro, o no? dicono che l’arte sia negli occi di chi guarda: anche le informazioni sono li vicino, poco più sopra

Commenti chiusi