Nostalgici

Sul Sole 24 Ore ci sono oggi due distinti articoli che descrivono le velleità rispettive di Leoluca Orlando ed Enzo Bianco di candidarsi di nuovo a fare i sindaci delle città di Palermo e Catania, che guidarono in stagioni lontane e un po’ migliori di queste. Orlando è stato sindaco di Palermo per dodici anni, a cominciare dal 1985. Bianco è stato sindaco di Catania per otto anni a cominciare dal 1988. Lo sono stati fino al 2000. Erano sindaco quando molti degli elettori di oggi non erano neanche nati. Sono cambiate parecchie cose nel frattempo, e loro due anche: l’Italia ha un bel po’ di guai, ma non si risolvono ricorrendo a carrozze, cavalli o calamai.
Con tutto il rispetto, lascerei perdere.

Altre cose:

2 commenti su “Nostalgici

  1. v.s.gaudio

    IL SOGNO DI ORLANDO E IL CANTO DI BIANCO

    Sulla cima di una montagna sopra le nuvole
    che fluttuano sotto di me come un mare
    io ho detto che quella vetta è il pensiero di Leoluca Orlando,
    e quell’altra la preghiera di Enzo Bianco
    e questa è il sogno di Orlando
    e quell’altra il canto di Bianco,
    e questa è Catania e questa è Palermo,
    e questa è la Catania di Bianco e questa la Palermo di Orlando,
    e questa la speranza della Madre Chiesa,
    e questa- insomma tutte queste vette sono poemi
    poemi e preghiere che fendono le nubi.
    E ho detto: ‘Che cosa se ne fa Dio di Orlando e di Bianco
    che si elevano quasi fino al cielo?Che cosa è la speranza
    se non la cosa con le piume come diceva Emily Dickinson
    se la cosa con le piume non è mio nipote, come asseriva Woody Allen,
    ma un’isola che si sveglia una mattina e si trova trasformata
    in una protesi in cui da un lato c’è la Catania di Orlando
    e dall’altro la Palermo di Bianco e Woody Allen che cerca suo nipote
    per portarlo da uno specialista a Lampedusa?’

    (da : “Se fosse l’Antologia dell’Orlando Bianco”)

Commenti chiusi