Dati sulla morte

Leggo in rete critiche all’accuratezza di un articolo di ieri su Repubblica, su cui non so giudicare abbastanza. L’articolo era sulla pena di morte negli Stati Uniti. Però c’è una cosa che so perché l’ho seguita e ne parlammo molto a Condor, e poi anche sul Post, e riguarda la storia di Todd Willingham, condannato a morte e ucciso in Texas. Quella storia è tuttora molto discussa perché è il caso in cui gli americani sono stati più vicini a dover constatare che un condannato era stato ucciso benché innocente. Quindi non capisco in base a quali conti l’articolo scriva che:

tra i condannati a morte che sono finiti al patibolo negli ultimi 40 anni, ci sono 123 casi comprovati di innocenti. Postumi.

Aggiornamento: forse l’autore ha male interpretato il dato sui condannati a morte scagionati prima della sentenza.
Aggiornamento: anzi, sì, evidentemente l’errore viene da qui:

Even more dramatically, 123 people have been released from death row in recent years because they were wrongfully convicted.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Dati sulla morte

Commenti chiusi