Una totale sospensione di questo gioco

Se ne accorgerà anche qualcun altro, ma per ora non vedo nei commenti alle parole di Mario Monti sull’inchiesta nel calcio una riflessione semplice semplice: ovvero che l’idea della sospensione per due anni di un sistema che si dimostra palesemente inadeguato e contaminato da irregolarità e malfunzionamenti – il commissariamento, insomma – è esattamente quello che ha portato Monti a essere oggi Presidente del Consiglio. Non stupisce che voglia replicare la soluzione.

Altre cose:

18 commenti su “Una totale sospensione di questo gioco

  1. MAGO

    non mi pare che sia stato sospeso il gioco, il presidente Napolitano ha esonerato l’allenatore, ma la squadra è quella di prima, lo spettacolo e i risultati pure!

  2. zuckerman

    Però a noi piace così. Al Bar ce ne lamentiamo, ci dichiariamo disgustati, ma la domenica siam tutti lì a bestemmiare se sbagliano il cross. E non cambia nulla avere la consapevolezza che forse quella partita non è regolare (sempre se la propria squadra non viene danneggiata). Così è anche in politica. E’ una banalità à la Puerto Escondido, ma è così.
    Quindi se volessimo davvero risolvere i problemi, probabilmente non potremmo non affidarci ad un pò di decisionismo imposto. Ma ci va? A me no. Preferisco lamentarmi e gustarmi partita e rutto libero.

  3. ennioco

    Nell’inebriamento collettivo italiano verso questo gioco siamo anche capaci di non considerare i comportamenti indegni dei calciatori milionari che se la ridono alle nostre spalle guadagnandoci pure sopra. Sarebbe ora di mandarli a zappare la terra per un pò e quindi perchè no allo stop del calcio. Puliamo l’Italia dall’immondizia. Zamparini si indegna, ma forse perchè perderebbe un sacco di soldi ?

  4. palm_1975

    Non sarei così sicuro di pensarla ancora una maggioranza bulgara quella fetta di calciofili senza se e senza ma capaci di ingoiare anche questo ulteriore e amarissimo boccone. Sento sempre più spesso di persone che si sono stancati di questo calcio, anche di tifosi che fino a un pò di anni fa non smuovevi di un cm dalla loro cieca idolatria.

  5. uqbal

    Un’altra occasione in cui gli Italiani devono essere governati dall’alto come se fossero dei ragazzini undicenni nemmeno troppo svegli.

  6. Giuliano Caruso

    Io direi che il problema non è solo il fatto che qualche giocatore, dirigente o proprietario combina degli accordi per prestabilire i risultati delle partite e ci scommettono su: io ci metterei anche il fatto che molte di queste persone ricevono troppi soldi per quello che fanno, a partire dalla vendita dei diritti TV per arrivare agli stipendi dei dirigenti ed agli ingaggi dei calciatori. Troppi soldi, troppi soldi. Che sono schiaffi sulla faccia di chi ne guadagna pochi e non gli bastano per mantenere una famiglia, mica una Ferrari.

  7. aristarco

    Aumenta le tasse, elimina il Giuoco del calcio .
    Poi, se si presenta alle elezioni con lo slogan “Il coraggio delle scelte impopolari” , oppure ” Solo per farvi dispetto!” ….. Giuro, lo voto. Anche se mette Pierfy capolista.

  8. stefano b

    Monti ha sparato una colossale sciocchezza. Il calcio, piaccia o meno, è una gigantesca industria che produce PIL, porta bei soldoni alle casse dello stato, e garantisce posti di lavoro. Fermarlo porterebbe altra disoccupazione, buchi nell’erario, per non parlare di tutte le problematiche legate alla disdetta di contratti commerciali, televisivi, e sanzioni UEFA.
    Monti dovrebbe occuparsi di far ripartire questo paese, di innestare la tanto invocata crescita, che a mettere accise sulla benzina, tassare le case e fermare i campionati di calcio è capace di farlo anche l’ultimo dei cretinetti

  9. S.ara

    Luca hai ragione. E’ il palesarsi del limite di Monti, che tanto mi ricorda l’inquietante “ghe pensi mi”, che era più facilone, che propose ‘strumenti’, per così dire, diversi, ma restano entrambi facce della stessa medaglia.
    E’ l’incapacità di introdurre regole chiare e corrette ad un sistema sbagliato senza però azzerarlo dittatorialmente, l’incapacità di buttare via l’acqua sporca senza buttare il bambino, l’incapacità di analizzare sentendo tutte le campane e poi di proporre correttivi e modifiche, ‘educando’ chi ne fa, e ne farà, parte, ma con la partecipazione di tutti i coinvolti;
    No: lui demolisce e ricostruisce, e come? Non è dato di partecipare alla ricostruzione, ma solo di essere messi di fronte al fatto compiuto.

  10. Stiben

    Deriva totalitarista, è questo il rischio che corre l’Italia a furia di commissari. Certo, è vero che il calcio andrebbe ridimensionato nei costi e quindi nei guadagni, ma fino a quando ci sarà una domanda così forte l’offerta e i suoi protagonisti calciatori continueranno guadagnare. Loro vendono e noi, polli, compriamo!

  11. vietatocosare

    Luca,

    non e’ solo la stessa soluzione con cui ha ricevuto l’incarico, e’ anche il modo in cui Monti spesso governa.

    “Sospendiamo il calcio per due/tre anni” e’ un commento da salotto, detto mangiando una tartina con la supponenza del cattedratico che prende un tema complesso e di cui non sa niente e lo risolve con una perla di ignoranza superficiale. Lo stesso tipo di commento sbattuto in faccia a chi chiedeva la compensazione tra debiti e crediti verso lo Stato, o i dettagli definitivi sull’IMU.

  12. dan.galvano

    @giuliano
    ti assicuro che se guadagnassero di meno, il fenomeno sarebbe ancora più’ grave.

    @vietatocosare
    hai ragione, quello di monti è il commento di uno che non ne sa nulla.
    neanche da salotto secondo me.
    è come quelli che dicono “i politici, mandiamoli tutti a casa”.
    tipico commento da bar che puoi sentir dire anche da grillo.

  13. duffogrup

    Il calcio italiano è già stato commisariato appena 6 anni fa. Nel 2006 Guido Rossi è stato nominato Commissario Straordinario della FIGC in seguito dello scandalo causato da Moggi & Co. Quella volta però tutti a dire “che bene, finalmente faranno un po’ di pulizia.”

  14. giovannifracasso

    Caro Monti, qualcuno nel calcio ha sbagliato. E’ altresì palese (e molto più grave) che molte banche e finanziarie hanno fatto errori con dolo in questi ultimi 15 anni…interrompiamo il credito, la finanza e le borse per due anni?

  15. reta

    tutti adesso a scagliarsi contro monti. a me sembrerebbe il minimo. ma certo io faccio parte di quella minoranza(?) che non ama il calcio, almeno questo calcio. che è costretta a subire le gesta dei tifosi o rimanere agli arresti domiciliari perchè abita nei pressi dello stadio. che deve pagare gli straordinari alle forze dell’ordine che tutte le domeniche vengono distolte da compiti più importanti per presidiare gli stadi….per non dire del pessimo esempio per i giovani….bravo monti….

  16. Pingback: Non una proposta, un desiderio « Sono Storie

Commenti chiusi