«Andate al mare» 2012

Ci torno brevemente perché ho scritto ieri quel che c’era da scrivere. Ma che l’Unità faccia un titolo di questa dimensione e quest’allarme minaccioso per disincentivare gli eventuali candidati alle primarie è un ricatto da false democrazie. Sono toni da cravattari, che meriterebbero candidature simboliche a mazzi, per insegnare cos’è, la democrazia.

p.s. a Europa hanno le idee più chiare, grazialcielo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

3 commenti su “«Andate al mare» 2012

  1. Raffaele Della Ragione

    Non mi pare che a L’ Unità abbiano idee meno chiare rispetto a Europa. Diciamo che ne hanno “altre”.

  2. Piccola Dorrit

    Guardi che Renzi non mi faceva simpatia, ma… dopo averlo visto dalla Gruber, sottoposto dopo l’antipasto della dichiarazione di Scalfari al menù completo di sguardi obliqui, sorrisetti tirati (sarà stato magari solo per il nuovo lifting?) e domande inconsistenti ma provocatorie – del resto stesso trattamento era stato già riservato ad esponenti 5 stelle – ha avuto tutta la mia solidarietà, avendo tra l’altro ben risposto. E’ una vecchia storia che accomuna l’odierno pd al vecchio pc: non c’è alternativa alla direzione, proprio non esiste.

  3. bobryder

    L’Unità ha torto nello specifico dell’ottica da cui si muove:non posso con credibilità dire”fatevi in là”se sono il principale alleato mediatico(almeno sulla carta stampata)del favorito(Bersani).Ma ha ragione dal punto di vista concettuale:si dovrebbe presentare alle primarie solo chi ha qualche speranza di farcela(quindi Renzi e Vendola,visti i precedenti pisapiani e demagistrisiani,tanto per farmi del male e non citare le città).
    Europa, d’altronde, parte dall’ottica dei proporzionalisti e(bingo!) sbaglia pure l’idea:”avanti tutti”,nelle primarie italiote, equivale a un “indietro tutta”.E poi, tornando al 2008,un outsider della levatura(anche molto molto alla lontana,in sedicesimo,ecco) di Obama,non lo trovo.Se si votasse domani io sceglierei tra Vendola e Renzi, quest’ultimo ha il vantaggio(in caso di vittoriA)di poter portare un barlume di antigerontocrazia(anche,e soprattutto, di idee) nell’ingessato pd.E gli altri si presentino pure,per il loro quarto d’ora warholiano.Ma no:li abbiamo dimenticati già da adesso(a parte i parenti votanti,ovvio).
    No al caos, ma L’Unità non ha la credibilità per questo tipo di(giusta) richiesta sulle primarie pd(oops:di centro sinistra..).Le primarie con i candidati come barattoli di zuppa Campbell…Mah

Commenti chiusi