My world

Dieci anni fa, il 12 gennaio 2003, morì Maurice Gibb e finirono i Bee Gees. Che erano tre fratelli angloaustraliani ed ebbero una carriera pazzesca (anzi due, con la riconversione alla discomusic della Febbre del Sabato Sera) ma anche delle vite non fortunate. Il quarto fratello, Andy, era morto a 30 anni per le conseguenze di abusi di cocaina e altre droghe, e dopo una profonda depressione: aveva fatto il cantante per conto suo e ottenuto alcuni grandi successi internazionali. Maurice morì a 53 anni, per un improvviso attacco di cuore. Robin, suo fratello gemello, è morto l’anno scorso dopo due anni di sofferenze legate a successivi tumori, cure e interventi. Assieme a Barry, il più vecchio dei quattro e il solo ancora vivo, avevano comunque deciso già dieci anni fa di smobilitare i Bee Gees, salvo qualche occasione eccezionale. Che fu una buona idea, che anche le loro ultime cose allora erano state piuttosto dimenticabili. Ma prima, malvisti come troppo frivoli per una fase dura e pura della storia del rock, avevano infilato una ricchissima serie di straordinarie canzonette pop. Che a pensare che sono passati dieci anni, vale la pena risentirle a ripetizione in questi giorni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: