Roger Ebert (1942-2013)

È morto Roger Ebert, leggendario critico cinematografico americano, che ieri aveva annunciato una sospensione del suo lavoro per la malattia di cui soffriva da tempo. Qui riprendo una sua cosa su linguaggio e sincerità di giudizio, solo lateralmente cinematografica, scritta quattro anni fa.

A volte è importante che qualcuno ti ricordi che apprezzare qualcosa va bene. Lodarlo. Goderselo. Ammettere di aver provato piacere. Fregarsene di quello che altre persone, più sgradevoli, possono dire.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Roger Ebert (1942-2013)

  1. Michele Mauri

    Belle parole, non c’è che dire. Sono certo che piaceranno a molti. Peccato che la linea di condotta adottata da gran parte degli opinionisti italiani, su stampa e sul web, si muove in direzione esattamente opposta. Del resto per apprezzare occorre conoscere, per denigrare basta dar fiato alla voglia di insultare.

Commenti chiusi