La violenza su internet

Così, a ridondante conferma di quanto dicevamo nei giorni scorsi sullo hate speech:

“Ma mai nessuno che se la stupri, così tanto per capire cosa può provare la vittima di questo efferato reato? Vergogna”

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

4 commenti su “La violenza su internet

  1. lorenzo68

    Tutti figli di Borghezio potremmo citare.

    …ma che ci sia un problema di extra comunitari sul suolo italiano (tutt’ora irrisolto -come tutto il resto) è cosa stranota.

  2. uqbal

    Lorenzo68

    Di problemi da risolvere ce ne sono tanti. Non mi sembra che questa affermazioni contribuisca a risolverne neanche uno. Piuttosto è un altro problema che si aggiunge alla pila.

  3. lorenzo68

    Nemmeno a me.
    Ma sembra che a parte la Destra, il fenomeno continui a non attirare le simpatie della sinistra.
    Un giorno mi piacerebbe che ciò accadesse.

Commenti chiusi