Non sono un giornalista, sono uno che fa giornalismo

A chi crede che il giornalismo sia quello che si fa con un tesserino non piacerà, ma questo post di Jeff Jarvis dovrebbero – proprio – farlo studiare nelle scuole di giornalismo.

There are no journalists, there is only the service of journalism.

Journalism is not content. It is not a noun. It need not be a profession or an industry. It is not the province of a guild. It is not a scarcity to be controlled. It no longer happens in newsrooms. It is no longer confined to narrative form.
So then what the hell is journalism?
It is a service. It is a service whose end, again, is an informed public. For my entrepreneurial journalism students, I give them a broad umbrella of a definition: Journalism helps communities organize their knowledge so they can better organize themselves.

Thus anything that reliably serves the end of an informed community is journalism

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Non sono un giornalista, sono uno che fa giornalismo

  1. lorenzo68

    Cioè non piacerà al 90% dei tesserati italiani. Soprattutto a quelli di RCS in procinto di cambiare bandiera ancora una volta.

Commenti chiusi