Bisogna essere cretini

Si fatica a credere che ci sia in giro gente che aizza odio e forconi contro la presidente Boldrini perché è andata alla cerimonia per Mandela accompagnata dal marito, come qualunque altro leader politico mondiale: e come riportato dalla fonte originale, senza spese.
E quindi, chiedendosi cosa animi simili sciocchezze, le risposte che ci si possono dare purtroppo sono due:
uno, che abbia ragione Boldrini quando dice che a lei donna vengono contestate cose ritenute normali quando si tratta degli uomini, e che il maschilismo si saldi alla stupidità;
due, che i nemici politici di Boldrini abbiano da tempo in moto per lei una personale macchinina del fango.

Fosse per la constatazione che in giro ci sono dei cretini, è dolorosa ma abbiamo imparato a conviverci: alla fine queste stupidaggini sono state dette da uno squinternato professore filogrillino e da un titolo del Giornale. Ma se magari il resto dei media evitasse di montarci la panna con estesi titoli che le chiamano “polemiche” e “del M5S” – sapendo di attingere alle stesse reazioni – forse sarebbero meno complici della ulteriore diffusione della cretineria.

Altre cose:

41 commenti su “Bisogna essere cretini

  1. fp57

    Se la Boldrini e’ un leader politico mondiale, quanti leader politici mondiali abbiamo in Italia?

  2. almotasim

    @fp57: In una scala di trolling tra 1 e 10, il tuo è un 8.5: un ottimo risultato. I tuoi figli potranno essere fieri di te.

  3. Robdale

    @almo…: Che dici? fp ha ragione! Non essendo la Boldrini un leader mondiale avrebbe dovuto viaggiare da sola! E visto che oltre a essere nata donna è nata pure comunista, avrebbe fatto meglio a dare una mano alle hostess a sbrigare un po’ di faccende sull’aereo, non credi?

  4. clarkkent

    il commento di fp57 conferma articolo di Sofri, non so quanto la cosa siaa voluta in questo caso

  5. Mike

    @Robdale:
    Visto che è salita su un aereo dove c’era posto e che avrebbe viaggiato, in caso, semivuoto, che differenza fa se si porta o no il marito? Non stiamo parlando di gente che va a vedere un GP!
    @clarkkent:
    conoscendo il livello dei commenti fp57, la cosa non è voluta.

  6. Fagal

    Può essere condivisibile l’articolo. Tuttavia, proprio aprendo il link e leggendo i commenti nei vari siti (di orientamento politico diverso) il giudizio é complessivamente fortemente negativo. Visto che questo blog tratta spesso temi legati alla comunicazione, mi chiedo come mai la notizia abbia avuto tanto impatto da suscitare le reazioni. Facciamo un esempio. Se fosse uscita la notizia che il ministro degli esteri Bonino é andata con il compagno ci sarebbe stata la stessa reazione in termini di impatto mediatico?

  7. andrea61

    Concordo in toto a aprte l’ipotetica macchina del fango Però è il normale prezzo che si paga nel suk della politica italiana giá se si è persone normali, figuriamoci se si è un personaggio che ha fatto della demagogia, della presunzione e dell’arroganza il proprio tratto caratteristico.

  8. Robdale

    @Mike
    Credo che stiamo dicendo la stessa cosa. Io condivido il pensiero di Sofri. Si sta facendo polemica per una cosa che non ha senso. In ogni ambiente di lavoro ci sono delle condizioni, delle regole, delle etichette da seguire. Avrebbero forse preferito che la Boldrini dicesse:” Avete visto come sono brava? Ho viaggiato da sola, così ho fatto risparmiare i soldi dei contribuenti?” A certe persone deve fare proprio piacere essere presi in giro! Credo che quasi tutti i rappresentati degli altri paesi abbiano viaggiato con un compagno/a. Ma quello che dice Fagal è tristemente vero. Ho visto tante critiche “di pancia”. Purtroppo in Italia stampa e politici fanno spesso battute e polemizzano su cose risibili, su cose che ci s/qualificano. Oltre a questa polemica, penso a quello che ogni tanto viene detto sulla ministra Kyenge, specialmente da parte dei leghisti. E così continuiamo a dimostrare che siamo un paese piccolo e arretrato. Che tristezza.

  9. Ilde

    Commenti di un livello tanto alto ma tanto tanto. Grazie. E grazie agli italiani sempre così pronti ad occuparsi di fatti così importanti, così rilevanti. Ringrazio ancora tutti. Ho detto grazie? Ringrazio ancora tutti, tanto tanto tanto

  10. stefano_p

    Gentile Luca, non cambia niente al senso del tuo post, ma l’accompagnatore della Boldrini non era il marito, ma il fidanzato (o compagno o metà della coppia di fatto). Concordo con fp57 sulla caratura della Boldrini e penso che la cagnara sia dovuta al codazzo di 7 persone che l’ha seguita sull’aereo.

  11. Giovanni Meneghini

    Il problema non è legato al compagno.
    Il problema è quello delle altre (5) cinque persone che la Boldrini ha ritenuto opportuno portare con sè.
    Il minimo che si possa dire di questa signora è che sembra affetta da manie di grandezza, e del tutto scollegata dalla realtà.

  12. majortom

    @Giovanni Meneghini

    Eh, sì, un vero scandalo che il Presidente della Camera si porti in traferta il proprio compagno, il proprio portavoce, il proprio responsabile della comunicazione e la propria consigliera per le relazioni internazionali!!

    Tutti hanno viaggiato sull’aereo di Letta, nessuno ha preso indennità di missione, tutta questa storia non è costata un singolo euro. Visto che l’unico scopo di tutta questa storia è attaccare la Boldrini, trovatevi degli argomenti migliori.

  13. reta

    boldrini è stata attaccata da sempre dalla destra per le sue posizioni in favore dei rifugiati politici. al tempo dell’alleanza berluscono gheddafi ha difeso gli immigrati che la libia teneva in campi profughi disumani. adesso grillo riprende queste critiche in maniera volgarissima. nessun italiano o italiana ha, più di boldrini, titoli per presenziare alle onoranze per mandela. letta ha fatto benissimo

  14. stefano_p

    Tendenzialmente io sarei un simpatizzante di SEL. Sapete che cosa è dà fastidio in questa vicenda? Il privilegio usato da chi si dice comunista, o molto di sinistra egualitaria. Lo stesso fastidio che si prova nell’ascoltare Vendola che cazzeggia con il tizio dell’ILVA, lo stesso disgusto nel sapere che Bevtinotti va ancora in giro con la scorta di Stato. Va bene tutto, ma iscrivetevi all’Udeur. Sarebbe stato più decoroso (anche se con rischio insito di paraculata) invitare due dei migranti sopravvissuti a Lampedusa che non la portavoce e la consigliera (peraltro in una visita non ufficiale a quanto pare).

  15. maragines

    Personalmente il mio stupore è che nessuno si sia chiesto se era veramente necessario che il Presidente della Camera andasse ai funerali di Nelson Mandela. L’Italia mandava in rappresentanza il Presidente del Consiglio, che bisogno c’era della presenza del Presidente della Camera?
    Se era doverosa, utile, necessaria, auspicabile, è doveroso e giusto che si muova con il seguito che è opportuno, eventualmente anche a spese dei contribuenti.
    *
    Ma se la sua presenza non era necessaria o anche solo richiesta perché andarci? La camera che presiede, da qualsiasi lato la si guardi, non brilla per efficienza, stacanovismo, o eccezionale capacità di lavoro.
    **
    In ogni caso sì, ovvio, la macchina del fango è stata messa in moto ed è ridicola. Ovviamente non c’è nessun danno, appunto, tutt’al più una critica che va portata sul piano politico. Non è uno scandalo, anzi. Ma, appunto, mi chiedo, perché il presidente della Camera va ai funerali di Mandela?

  16. sergiogarufi

    http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/articoli/1042536/casta-il-marito-della-merkel-viaggia-low-cost.shtml
    In questo articolo di un anno e mezzo fa si spiega perché, in paesi più attenti del nostro all’uso del denaro pubblico, ospitare il partner di un leader politico su un viaggio di stato ha un costo anche se il sedile restava libero. Poi si potrebbe eccepire sull’opportunità di farlo in questo momento, cioè mentre il paese attraversa la crisi economica più grave dal dopoguerra ad oggi e mentre assistiamo quasi quotidianamente a scontri con le forze dell’ordine da parte di gente esasperata per questa politica imbelle. Certo, non saranno grandi misfatti, soprattutto se paragonati alle porcherie commesse in passato dagli avversari del centrodestra, ma sia questo scivolone della Boldrini che quello della telefonata di Vendola sull’ILVA costeranno cari, in termini elettorali, a SEL. E la Boldrini, rispetto a Vendola, che perlomeno alla fine chiese scusa, ha l’aggravante della reazione ricattatoria, avendola buttata sul sessismo, che non c’entra proprio niente in questo caso. Faccia il suo lavoro di Presidente della Camera, invece di presenziare ai funerali eccellenti con tutto il codazzo di fidanzato, collaboratori e uomini della scorta quando c’era già il Presidente del Consiglio a rappresentarci. E ci risparmi l’espressione compunta tuittata subito dopo per far vedere che c’era, a quell’appuntamento imperdibile. Bisogna essere cretini per non capire che su queste piccole cose i moralisti si giocano tutta la loro reputazione. Perché a loro è richiesto un surplus di correttezza. Ricordate l’intervista a Report di Di Pietro? “Sì, ma mia moglie non è mia moglie”? E’ bastata una frase così a far sparire un partito.

  17. Lazarus

    Anzitutto la presenza della Boldrini come più volte sottolineato non era indispensabile e non era richiesta dal protocollo, c’era già Letta,. Costo zero per la Camera, va bene, ma i costi di Palazzo Chigi sono pur sempre a nostro carico, e si trattava di 20 persone in tutto (tutti necessari sicuramente, ma insomma in tempi come questi anche i piccoli segnali contano). La Bodrini “ci teneva tanto ad andarci?”, poteva andare privatamente, nessuno lo vietava. Certo con il volo di Stato e fidanzato a seguito era più comodo.
    Poi va bene, certi toni da gazzara sono inaccettabili, però nessuno è esente da critiche per principio e chi pretende di essere diverso e migliore a prescindere potrebbe cominciare a dare qualche buon esempio. Per ora da quelle parti politiche ne ho visti pochi.

  18. Robdale

    @seriogarufi: sì, ho letto l’articolo e quello che ho capito è che mentre il marito della Merkel ha risparmiato 1300 euro prendendo un volo low cost, “noi” lo abbiamo accompagnato con la motovedetta della Guardia di Finanza. Bei furbi questi tedeschi, altro che attenti! Secondo te quanto costa di benzina fare Napoli Ischia con una di quelle motovedette? Per non parare delle spese collaterali? Forse si supera pure la cifra risparmiata da herr Merkel. E per che cosa? Portare il marito della Merkel in vacanza?
    @tutti i criticoni: come vedete, si trova sempre un motivo per criticare, lo sappiamo. Come se poi fare un salto in Sudafrica e tornare nel giro di 24ore fosse un privilegio!

  19. majortom

    @sergiogarufi
    Ma lei l’ha letto l’articolo che linka? In quell’articolo non è vero che “si spiega che ospitare il partner ha un costo anche se il sedile restava libero”. L’unico costo differenziale penso sia il carburante in più e i pasti a bordo. In quell’articolo si spiega che in Germania tutti i politici pagano a parte il viaggio del partner su veicoli di stato: in pratica, lei sta accusando la Boldrini perché non introduce una nuova prassi. Ripeto: se proprio volete attaccare Boldrini, trovatevi degli argomenti migliori.

  20. johndoe

    Io ho solo una domanda: il compagno di Boldrini è un giornalista, ha pubblicato pezzi sui funerali, per i giornali per cui lavora? Se è così non è un accompagnatore, è andato a guadagnare soldi e doveva pagarsi il biglietto.
    Per il resto concordo sull’eccesso di attenzione per la Boldrini, sembra anche a me fuori dal normale. Ma concordo anche con chi sostiene che faccia di tutto per attirarselo.

  21. maragines

    L’unico costo differenziale penso sia il carburante in più e i pasti a bordo.
    Per i pasti sono d’accordo, ma non credo che sia possibile calcolare il maggior consumo di carburante.
    Se il volo fosse in un sistema perfetto, finito e misurabile al millimetro, per le leggi fisiche, possiamo supporre che maggior peso comporti maggior consumo di carburante.
    Ma nella realtà, al di là del grande problema di calcolare questo maggior consumo, credo che, forse, non esiste nemmeno. È come pensare che siccome hai preso il cappotto blu che pesa di più dello spolverino, la tua macchina consumerà di più…

  22. massimdr

    Io non capisco perché Letta abbia portato sette persone (compresa la moglie!) più la scorta, quando ci poteva andare la Boldrini sola, e lui in quelle 24 ore stava a risolvere i problemi dell’Italia.

  23. sergiogarufi

    l’articolo sulla Merkel spiega come per i cittadini tedeschi l’aver votato lei come cancelliera non significa che intendono mantenere o spesare anche il marito. Se lui vuole seguirla nei suoi spostamenti lo fa a proprie spese, e il passaggio su un volo di stato ha un costo talmente elevato (e che non ha nulla a che vedere con il carburante in più per il maggior peso) che gli conviene andarsene per proprio conto. Poi se noi quando sbarcano in Italia gli mettiamo a disposizione una motovedetta della finanza o gli regaliamo un parco pubblico (come successe a Gheddafi nella sua visita romana), questo non fa che confermare il modo diverso di intendere la gestione dei soldi della collettività. Ad ogni modo la Boldrini, Sofri e tutti quelli che la pensano a quel modo evidentemente non hanno molto a cuore le sorti di SEL, che pagherà caro alle prossime elezioni queste gaffe (quella della Boldrini e quella di Vendola). Sono dettagli, di fronte alle porcherie clamorose denunciate in questi anni, ma l’esasperazione è tale che non si perdona più niente. Una classe dirigente si accredita col proprio comportamento. Ricordo altri due piccoli episodi del PD (evidenzio le magagne di sinistra perché quelle di destra sono marchiane). Il primo era la famosa foto della Finocchiaro con la scorta che le spingeva il carrello della spesa. E un altro era il video di una riunione della Direzione del PD, in cui al termine le auto blu uscirono in strada da un portone e imboccarono per un piccolo tratto di venti metri la strada contromano, con i vigili che fermavano gli automobilisti normali che venivano nel senso giusto per far passare le auto blu contromano. Ripeto, era un piccolo tratto di venti metri, ma il messaggio che per chi può le regole non contano, ed è proprio questo che è diventato insopportabile. L’accusa di sessismo verso chi ha denunciato questo episodio è una presa per il culo bella e buona. Mi ricorda la frase di Epifani in parlamento, quando, dopo aver salvato la Cancellieri dalla mozione di sfiducia, la esortò a rendersi disponibile con tutti così come aveva fatto con Ligresti.

  24. pifo

    Non mi sento un “nemico politico” della Boldrini, tutt’altro. Non mi sento neanche particolarmente “cretino” se dico che per la Boldrini, al di la delle questioni di fatturazione, valgono gli stessi principi di “opportunita’” che valgono per gli altri, maschi e femmine., sposati, accompagnati etc. etc.
    Comprendo l’aspirazione personale della Boldrini a partecipare all’evento (chi non avrebbe voluto se avesse potuto?) ma mi aspetto che il Presidente della Camera valuti molto bene questa possibilita’ (per se, per il suo Staff e per il suo compagno) non solo dal punto di vista delle spese vive ma anche dal punto di vista delle motivazioni istituzionali e della formale, nonche’ generica opportunita’.
    Altrimenti che facciamo?
    Ogni volta che un Falcon di stato vola semivuoto da qualche parte facciamo un giro di telefonate per le varie segreterie per sapere chi vuole andare?

  25. almotasim

    A febbraio morì la mamma di un mio caro amico (niente di tragico, era molto anziana) e io decisi di andare al suo funerale. Un dipendente dell’azienda di questo mio amico abita nel palazzo di fianco a noi, e la mattina del funerale ha dato un passaggio a me, alla mia compagna (non siamo sposati) e a mia madre fino alla chiesa e poi al cimitero e poi di nuovo a casa. Nella macchina aziendale, usando benzina (o gasolio, forse) aziendale. Lui non conosceva questa donna, e al funerale ci andava per dovere istituzionale nei confronti del suo capo.

    Avrei potuto prendere l’autobus, oppure la macchina mia, e non l’ho fatto. Però io non mi sono sentito in colpa, non s’è sentito in colpa il dipendente del mio amico, né il mio amico. Debbo rivedere la mia etica?

  26. majortom

    @sergiogarufi
    “Se lui vuole seguirla nei suoi spostamenti lo fa a proprie spese, e il passaggio su un volo di stato ha un costo talmente elevato (e che non ha nulla a che vedere con il carburante in più per il maggior peso) che gli conviene andarsene per proprio conto.”
    Il punto è che SECONDO ME quello che sostiene il marito della Merkel è una specie di prezzo dissuasivo, che tiene conto dei prezzi di mercato e che non ha a che fare col vero costo differenziale (vero costo differenziale=costo per far volare l’aereo col marito sopra-costo per far volare l’aereo senza marito sopra). Inoltre SECONDO ME nell’accusa c’è del maschilismo, poiché l’articolo del Giornale che ha creato tutta questa caciara rimproverava alla Boldrini la presenza del compagno (mentre non contestava, mi pare, la presenza del Presidente della Camera ai funerali), invece non accusava Letta, che si è fatto accompagnare dalla propria compagna. Mi pare comunque lampante che in questo caso il maschilismo è solo un corollario, poiché quelli del Giornale sono alla ricerca di qualsiasi pretesto per attaccare Boldrini (e Kyenge).
    Cmq a votare un partito ESCLUSIVAMENTE per la sua presunta superiorità morale siete rimasti solo lei e Marco Travaglio

  27. maragines

    Sergiogarufi confonde prezzo e costo.
    Se lui vuole seguirla nei suoi spostamenti lo fa a proprie spese, e il passaggio su un volo di stato ha un costo talmente elevato (e che non ha nulla a che vedere con il carburante in più per il maggior peso) che gli conviene andarsene per proprio conto.
    **
    Non è il costo ad essere elevato ma il prezzo. Lo stato tedesco faccia come crede, potremmo persino trovare un ottimo disincentivo quello di adottare questa politica. Ma la polemica schifosa non riguarda il mancato pagamento di un prezzo, ma millantati aumenti di “costo”.
    Che non ci sono. Non aumenta il “costo”.
    ***
    Se la critica si vuole fare, in effetti si potrebbe fare, è politica. Non è “è tutto un mangia mangia” o “ladri restituite i soldi” o “Boldrini sei come tutti gli altri” (soprattutto quando gli “altri” facevano viaggiare chitarristi e allegre pulzelle sugli aerei di stato…).

  28. Robdale

    Gli interventi di majortom e maragines sono molti illuminanti al riguardo. Si potrebbe buttarla in politica è considerare l’opportunità o meno di viaggiare in… estesa compagnia, e applicare delle regole alla tedesca. Ma il punto che fa Il Giornale non è quello. Perché altrimenti dovrebbe fare i conti con i fallimenti politici del centro destra di questi ultimi vent’anni, dei loro sperperi, ecc., ecc.. Allora fa pubblicità, la butta in caciara: tipo: “Avete visto che son tutti uguali?” E molti ci cascano. E purtroppo anche fra quelli che non sono di centrodestra. La verità è che non sono tutti uguali. Quando giudichiamo qualcuno dobbiamo conoscerlo. Può sembrare strano ma, nel caso specifico, la Boldrini esisteva e faceva politica anche prima di diventare presidente della Camera.

  29. metiu

    Cretini, aizzatori di odio e forconi, sciocchi, maschilisti e stupidi, nemici politici che mettono in moto la macchina del fango, squinternati filogrillini. Attacco finale alla stampa che non ignora (se non per puro dileggio) il M5S come fa il Post.

    Si sta aprendo una nuova era al Post direttore?

  30. Pingback: Bisogna essere cretini | Wittgenstein | NUOVA RESISTENZA

  31. odus

    “Bisogna essere cretini”se si critica ” la presidente Boldrini perché è andata alla cerimonia per Mandela accompagnata dal marito, come qualunque altro leader politico mondiale”.
    Così sentenzia L.S. che cretino non è.
    E fa fatica a capire che qualcuno può chiedersi se la Boldrini sia mai stata o sia un leader politico “mondiale” quando fino a qualche mese fa risultava essere una funzionaria dell’ONU elevata in Italia allo status di “carica istituzionale” da Vendola del SEL, Vendola del SEL che non aveva vinto le elezioni. Ma, sia come sia, si sa che le mansioni delle cariche isituzionali in Italia sono estensibili a parenti e conviventi.
    Quanti parenti e conviventi di “leader politici” italiani c’erano su quel volo?
    Mastella, quando era ministro, era andato con un parente (il figlio?) a vedere un gran premio automobilistico a Monza con un volo di Stato e se ne scrisse di ogni.
    Ma L.S fa fatica a capire queste obiezioni e questi richiami sulle differenze e parla di aizzamenti all’odio.
    Come anche L.S. fa fatica a capire la differenza tra i muri di Pompei crollati per il maltempo quando ministro per i beni culturali era Galan e quelli che crollano adesso che ministro per i beni culturali è un altro.
    L.S. non è certo Ercole e fa più fatica di Ercole a compiere le sue personali fatiche mentali.

  32. noncomunista

    Si è vero, bisogna essere cretini a credere che se paga “Plazzo Chigi” invece della camera, a noi non costi nulla.
    Bisogna essere cretini di fronte ad un esposto della Codacons a pensare che a muovere le accuse contro la Boldrini siano per forza i “Fascisti” o i “Grillini”. Bisogna essere cretini, perchè a non esserlo, non si scriverebbero certe cazzate, e ci si fermerebbe a pensare oltre agli schieramenti politici, su come questa gente, alla faccia del partito di appartenenza, stia usando il nostro culo, oltre che il nostro portafoglio.

  33. metiu

    Bene Sofri mi pare abbastanza chiaro cosa pensano i suoi lettori. Corra ora a dire al Renzi che forse e’ il caso di non citare il nome Boldrini nel suo prossimo slogan ma di continuare con Ligabue, Spotify, Vespa Piaggio o al massimo Tachipirina che restano popolari al momento.

  34. Ryoga

    Secondo me Michelle Obama il posto sull’Air Force One non l’ha pagato.
    Magari mi sbaglio.

  35. MariaWuz

    La Boldrini è una tizia senz’arte ma con parte, catapultata a una carica importante senza neanche sapere perchè (mi ricorda la Pivetti di quei giorni), presuntuosa e spocchiosa. Definirla un “leader politico mondiale” mi sembra una vera sciocchezza. E comunque, passi se si fosse lei sola imbucata con Letta. Ma si è portata dietro tutta la compagnia cantante di sette persone. A Milano si dice “Quand’ la merda la monta in scagn’…”.

  36. isaiacom

    Io sono uno dei “cretini”. Non contesto che Boldrini si sia portato appresso un compagno. Contesto l’opportunità del viaggio in toto visto che c’era già Letta. E contesto l’atteggiamento “da grupie”, con le parole banali e la faccia trasognata che ho visto e sentito in un’intervista. Detto con crudezza: “Se il viaggio si è risolto nel farsi fare due foto con lo stadio pieno dietro e dire qualche minchiata alle troupes di casa nostra questa “bambina di cinquant’anni” ci ha preso in giro”. Se invece dietro alle quinte questo “leader politico mondiale” si è riunito con altri “leader politici mondiali” per analizzare e magari risolvere qualche problema “mondiale” allora ben venga (dubito, tuttavia, che questo sia successo. Boldrini l’avrebbe comunicato “Urbi ed Orbi”). In caso contrario si tratta soltanto di una “gita di Boldrini con i suoi cari” dello stesso tipo di quella di Craxi in Cina stigmatizzata da una battuta fulminante da Andreotti che recito a memoria (con possibilità di errore, quindi). La battuta di Andreotti era: “Siamo stati in Cina con Craxi ed i suoi cari”.

  37. Svalbard

    E’ proprio vero, c’è una personale macchina del fango. E questi commenti ne sono la dimostrazione.

  38. Lazarus

    Non poteva mancare l’abusato accenno alla macchina del fango, una banalità buona per tutte le stagioni utilizzata come pietra tombale di qualsiasi argomento.

Commenti chiusi