Le dimissioni del ministro Kyenge che non lo erano

Per collezionisti di notizie che non lo erano molto acrobatiche, quella di oggi è notevole. Semplicissima e con un mistero in mezzo. Oggi alle 12.41 molti giornalisti ricevono una gentile mail da parte del portavoce del ministro Kyenge. Dice così:

Care e cari
venerdì 31 gennaio cesserò il mio incarico presso il ministero dell’integrazione. Questi 8 mesi sono stati per me intensi e ricchi non solo per  l’attività che questo ministero ha sviluppato.
Ma per me importanti perché mi hanno permesso di conoscere molti di voi che prima non conoscevo, e con i quali è scattato un profondo legame oltre che professionale, umano, ed è un valore che nella mia vita lavorativa ho sempre considerato una condizione essenziale per dare il meglio di me.
Ed è il vero patrimonio che ci portiamo sempre dietro quando cambiamo le nostre esperienze, avere la consapevolezza che abbiamo dato il meglio di noi, con onestà e trasparenza.
So però che con voi vorrei tenere un collegamento d’amicizia oltre che professionale.
Con stima ed affetto.
Nome e cognome.

Tutto abbastanza chiaro, no? Eppure, qualcuno a un certo punto fa qualcosa di incomprensibile per cui alle cinque del pomeriggio…

rep-kyenge cor-kyenge

Altre cose:

2 commenti su “Le dimissioni del ministro Kyenge che non lo erano

  1. Pingback: Google svende Motorola, Facebook cresce mobile | Un’altra Fiat | Habemus Italicum, soglia al 4,5% | Kiev tra Russia e Usa | Good Morning Italia

Commenti chiusi