Un giorno allegro a Repubblica

Abituati ai toni aizzatori e seminatori di zizzania del quotidiano Repubblica, e alla sua costruzione – diffusa anche negli altri quotidiani – di continue e ripetute ipotesi di tensioni, rotture, litigi, scontri, inganni, vergogne, bavagli, crisi nella politica; e abituati alla sua ossessiva linea editoriale antiberlusconicentrica, i lettori di Repubblica come me hanno oggi accolto con meraviglia e favore l’improvviso e ripetuto entusiasmo del giornale per qualcosa di nuovo e buono, e nella fattispecie per la riforma della legge elettorale e l’accordo tra Renzi e Berlusconi, nientemeno. Che si sia d’accordo o no, è bello vedere un po’ di contentezza, ottimismo e soddisfazione, ogni tanto. Magari cambia qualcosa davvero.

foto 2foto 4foto 5foto 3

Altre cose: