Il problema con le rivoluzioni

C’è questa scena del Dottor Zivago, attualissima, sempre. Mi è tornata in mente spesso, in questi anni, ogni volta che abbiamo sognato rivoluzioni che sovvertissero uno stato di cose intollerabile, e ogni volta che ci siamo spaventati a vedere cosa portavano, anche (i francesi lo sanno da più di due secoli). Nei parlamenti, nei media, su internet.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

2 commenti su “Il problema con le rivoluzioni

  1. Pingback: Il problema con le rivoluzioni | Test

  2. wiz.loz

    Tipo la rivoluzione nei commenti sul Post? Una rivoluzione che distrugge la miglior community che abbia mai visto su un sito italiano, elimina l’interazione tra i lettori/commentatori (perché ci sarà sempre un delay nella pubblicazione delle risposte). Metà del tempo che passavo sul Post era sui commenti. Non so questo per quanti lettori sia vero, però è da tempo un motivo di attrattiva enorme, oltre alla qualità dei contenuti giornalistici.
    E i commenti su Wittgenstein? Com’è che sono ormai spariti del tutto?

Commenti chiusi