Civette sul comò

A una presentazione di “Notizie che non lo erano” qualche giorno fa una persona mi ha chiesto come mai non avessi parlato di tutto il grande repertorio letterario delle “locandine” dei quotidiani locali, che in effetti ho ignorato anche nel libro. Gli ho risposto che probabilmente aver vissuto la maggior parte della mia vita in una città della provincia toscana in cui la distinzione tra le suddette locandine e quelle del Vernacoliere spesso era minima, rendeva il tema un po’ inflazionato ai miei occhi. Con i miei amici, a Pisa, spesso tenevamo o collezionavamo alcuni di quei titoli (le chiamavano anche “civette”), e alcuni me li ricordo ancora.
In più, i meccanismi di condivisione delle scemenze buffe su internet hanno fatto prosperare tutto un mondo di raccolte, siti, segnalazioni quotidiane sulle formidabili titolazioni che i giornali locali usano tuttora per attirare l’attenzione dei lettori soprattutto a forza di cose un po’ morbose di sesso o strano-ma-vero.
In effetti, mentre ne scrivo mi rendo conto che le locandine dei quotidiani locali possono considerarsi precursori dei “boxini morbosi” sui siti di news e del click-baiting contemporaneo: hanno vinto loro. Professionalità giornalistiche simili.

Insomma, mi sembrava un tema un po’ superato, e in cui la distanza tra vero e fantastico è spesso così palese da non valere un’analisi (tant’è vero che c’è anche tutta una letteratura di locandine falsificate, che è difficile distinguere). Anzi, è un repertorio che continua ad essere straordinariamente creativo e divertente, e forse è proprio come formato letterario che va giudicato, e non giornalistico. A nessuno di noi importa se sono veri quei titoli, né ci aspettiamo che lo siano, credo. Non c’è inganno, ma spettacolo, e noi applaudiamo. Come per le prime due delle seguenti, che sono ancora di ieri e l’altroieri (grazie a unkarmapensante che me le ha segnalate): le altre le avevo messe da parte nel tempo, trovandole in rete (fatta qualche verifica, credo siano vere tutte: due erano in effetti inventate e le ho tolte).