Washington, il Watergate, il Pentagono e altre storie

Archivio anche qui le cose viste e imparate in una settimana calda calda a Washington, DC.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Washington, il Watergate, il Pentagono e altre storie

  1. Luca Glamorama

    Ok,giustissimo ricordare le vittime e,ribadiamolo,l’11 settembre è stato un atto a dir poco infame,per non parlare delle teorie complottistiche per cui gli Usa l’attentato se lo sono fatti da soli.Ma,in questo giorno di lutto,il mio personale-e anticensorio-11 settembre è rivolto a un altro ricordo,anche se la data è un 16 marzo.No,non li dimentichiamo i morti,nessuno.Perchè “Spoon River” non ha regole di nazioalità,nè di visibilità.
    http://www.ilmondoperfetto.net/2016/09/my-laian-american-massacre.html

Commenti chiusi