Julie is her name

Oggi era nata Julie London, novant’anni fa, formidabile cantante di standard jazz e schianto di ragazza, che fece breccia tanti anni fa nel mio cuore di ventenne curioso di cose jazz facili, da ignoranti come me. Aveva quella voce lì, “smoky”, dicono alcune biografie: “fumosa”, ma letteralmente (anche perché fumava davvero, tantissimo), non nel modo in cui noi intendiamo fumosa una cosa vaga e confusa: e non si trovavano i suoi dischi facilmente, soprattutto in cd. Ma quello che misi insieme di lei poi lo ascoltai per un sacco di anni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Julie is her name

  1. Luca Glamorama

    Per la gioia di Tarantino….d’altronde ogni post del genere è utile: ci ricorda come la musica degli anni sessanta,settanta e-in parte-ottanta sia di gran lunga superiore alla “leggera”-e kitsch-dell’ultimo ventennio.Eccezioni escluse,spesso debitrici del ventennio di cui sopra.

Commenti chiusi