Hasta siempre comandante

“Aprendimos a quererte desde la histórica altura”. Una delle scene più inventive del film “Benvenuto Presidente” che è uscito lo scorso weekend è quella in cui la fino ad allora rigidissima giovane tutrice del protocollo del Quirinale, grazie ad alcuni additivi stupefacenti nella pizza, partecipa a una festa improvvisata con la delegazione cinese e il presidente della Repubblica intonando – e suonando alla chitarra – un classico della sua infanzia in una famiglia sessantottina. E tutti quanti cantano con lei “Hasta siempre, comandante”, nota anche come “Comandante Che Guevara”. La canzone è sempre stata travolgente, per i sentimentali di sinistra ma anche per chiunque sia incline a farsi travolgere dalle canzoni stracantabili (io sono un po’ critico sulla versione del film, con la sospensione tra  “de tu” e “querida presencia”, che andrebbero invece legati: ereditata da una versione molto kitsch della cantante francese Nathalie Cardone). “Hasta siempre, comandante” fu scritta nel 1965 dal cantautore cubano Carlos Puebla quando Che Guevara annunciò la sua intenzione di lasciare Cuba. “Aquí se queda la clara, la entrañable transparencia…”

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose:

Un commento su “Hasta siempre comandante

  1. Michele Mauri

    … della tua cara presenza, comandante Sofri. Grazie per averci ricordato il poeta Lolli, ieri. Che nostalgia.

Commenti chiusi