Storie dal Nord

I Counting Crows sono una grande rockband americana, che non ha inventato niente ma negli anni Novanta ha fatto gran canzoni con gran testi e un eccellente cantante, “nel solco della tradizione”, come si dice. Poi si sono un po’ assopiti e da anni si limitano a tour e ripetitivi dischi dal vivo, di ottima maniera. Quello nuovo, che si chiama “Echoes of the outlaw Roadshow”, si apre con una cover, “Girl from the north country”. La scrisse Bob Dylan alla fine del 1962, nel periodo in cui andò a Londra: e la pubblicò nel suo “The Freewheelin’ Bob Dylan”. Da allora i fans discutono su chi sia la ragazza del titolo, tra le sue varie fidanzate: ma un’ipotesi è che si tratti della leggendaria Suze Rotolo, quella che è sulla famosa copertina del disco sottobraccio a Dylan. Non stavano più assieme e lui nel 1962 l’andò a cercare a Perugia ma lei era appena partita: e la canzone, l’avrebbe finita lì, a Perugia.
Poi, da allora ai Counting Crows, la canzone l’hanno cantata un po’ tutti: e una versione del 1969 di Dylan con Johnny Cash, l’avete appena sentita nel film “Il lato positivo”. Dylan tornò a New York, dopo Londra e Perugia, e si rimisero insieme: per quello lei è sulla copertina.

Altre cose:

2 commenti su “Storie dal Nord

  1. vietatocosare

    Mi viene da sperare che finiscano anche loro nei guai per evasione fiscale, cosi’ tirano fuori un disco nuovo davvero, magari all’altezza dei primi tre.

Commenti chiusi