Quando uscì “Welcome to the pleasure dome”

Il 29 ottobre del 1984, trent’anni fa, uscì “Welcome to the pleasure dome” dei Frankie Goes To Hollywood. Vedo che lo comprai il 1° dicembre, da un’abitudine infantile che avevo allora di scrivere le date sui dischi.
wttpdErano già usciti i singoli “Relax” e “Two tribes”. Due settimane dopo sarebbe uscito “The power of love”, con versione estesa orchestrata e iniziale presa in giro contro i deejay bacchettoni. Poi, nel disco c’erano una plastica cover di “Born to run” di Springsteen e una di “San Jose” di Burt Bacharach e Hal David. Più altre cose meno notevoli e una generale produzione molto anni Ottanta e molto Trevor Horn, di Trevor Horn. A sentirlo oggi, un terzo del disco – erano due dischi: un “doppio album”; che come disco di debutto era una cosa impegnativa, ma vendette tantissimo – ha sempre un gran tiro, come direbbe il mio amico Matteo Bordone. Il resto è così così, ma l’oggetto ha ancora una sua gradevolezza tattile – lustra e brillante – che sta dentro quello che era la musica del 1984. Era quasi tutto forma – e infatti i FGTH sparirono rapidamente, Holly Johnson compreso -, dalla produzione musicale, ai testi nell’interno della copertina, alla grafica, alla comunicazione generale e al lavoro paraculo di promozione della band e della sua musica. Ma era forma di grande sapienza, la cui accuratezza diventava contenuto, anche musicale. Poi molto di quei tempi là invecchiò male, e molto rimase come madeleine e nostalgie di noi che avevamo intorno ai vent’anni: ma c’era gente davvero brava, e Trevor Horn era uno di quella gente.

FGTH

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: