“Chi in questi giorni ha parlato di”

Tutti i quotidiani riportano oggi la notizia che le tanto attese analisi hanno mostrato che non ci fossero tracce di radioattività sul corpo di Imane Fadil. Avevo elencato qui i toni con cui gli stessi quotidiani avevano invece raccontato l’ipotesi nei giorni scorsi sulle loro prime pagine.

“Avvelenata con le radiazioni”, Corriere della Sera
(notare le solite virgolette inventate per dire una balla e attribuirla ad altri, senza che nessuno l’abbia pronunciata)
Muore avvelenata, “uccisa dal cobalto”, Repubblica
(idem, ma in questo caso non ha fondamento nemmeno il non virgolettato)
Il mistero dell’Olgettina uccisa a Milano con sostanze radioattive, La Stampa
È stata avvelenata, Il Giornale
Avvelenata la teste del caso Ruby, Il Fatto
Avvelenata la teste chiave del processo Berlusconi, Libero
(Libero il giorno dopo: “le accuse non reggono, sull’Olgettina finora soltanto balle”

Fadil, nuovo test «Corpo radioattivo», Corriere
Morta forse avvelenata, Il Fatto

È divertente invece notare la peculiare posizione di Repubblica oggi, che ritiene nel suo articolo di rivendicare una propria originale ed encomiabile posizione rispetto alle esagerazioni infondate degli altri quotidiani, e sarebbe una svolta interessante nell’atteggiamento trascurato dei giornali di carta sulle falsificazioni della propria categoria.

I destinatari del passaggio possono essere molti, in effetti, ma il virgolettato sembra riferirsi in particolare al tradizionale rivale e concorrente della stessa Repubblica, e alla sua prima pagina di tre giorni fa.

Solo che questo era invece il modo in cui la stessa Repubblica ne aveva “parlato” sabato.

e

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: