Altro da fare, tutti

Non è la prima volta che il Partito Democratico è “in crisi”: ha passato altri periodi di spaesamento e sconfitte, nella sua quindicennale vita. La cosa più preziosa di quei periodi, come accade spesso con le crisi (“in ogni crisi c’è un’opportunità”, si dice sempre) è stata la possibilità di occupare i vuoti – di sgomitare per proporre novità – che lo spaesamento ha creato dentro un partito comunque assai complesso e strutturato, e che sembrava impossibile da intaccare. In quei diversi momenti, in soli quindici anni, le primarie – già uno strumento di possibile cambiamento, con tutto quel che ha di discutibile – hanno tentato e incentivato candidature altrimenti improbabili, con intenzioni sovversive, e che dei pezzi di cambiamento li hanno introdotti, pur essendo state dapprima guardate con sufficienza e sprezzo da parte dell’establishment del tempo (che in una cospicua parte è ancora l’establishment di oggi). A quelle primarie si sono candidate spericolatamente, sfacciatamente, usando persino termini irritanti per lo status quo (“rottamare”), persone che hanno aggregato in quote diverse e poi con esiti diversi cospicue comunità di sostenitori convinti che le cose andassero cambiate e che non si potesse ancora semplicemente rimescolare i gruppi dirigenti e le correnti esistenti. Faccio gli esempi, e nessuno faccia i capricci: sono esempi che corrispondono a quello che ho descritto, che stiano simpatici o no. Civati, Scalfarotto, Renzi, Marino, si sono candidati da outsider – e le loro candidature hanno costruito qualcosa – e hanno raccolto i consensi di molti disincantati dalle dirigenze esistenti.

Adesso non sta succedendo niente di questo, malgrado il periodo di crisi e le sue opportunità: non si offenda nessuno, ma è evidente che il dibattito sia tutto intorno al posizionamento delle classi dirigenti intorno a candidati che sono già classi dirigenti, e la cui identità è data dal loro guardare più “al centro” o “a sinistra”, aggregando le correnti relative. Brave persone di certo, probabilmente capaci, ma niente di sovversivo, nessun outsider, nessuno motivato a creare qualcosa di nuovo, anche sventatamente e a raccontare una rivoluzione possibile. Nessuna comunità di simpatizzanti che si crea, nessun vivace dibattito nei circoli che aggrega partecipazioni nuove, fossero anche della durata di una sardina.

Non è per criticare le candidature esistenti, e il lavoro di correnti e Bettini e Franceschini e Orlando vari, che dico tutto questo: fanno il loro lavoro, e non condivido mai molto la richiesta del “farsi da parte”. Magari favorire stabili processi di rinnovamento (anche solo perché quelli vecchi hanno perso, è un fatto) potrebbe essere lungimirante per chi guida un partito, ma il cambiamento lo devono fare i suoi proponenti, non lo si può chiedere ai “rottamandi”.
Dico invece tutto questo per constatare con scoramento come appunto nessuno abbia voluto infilarsi nel varco, questa volta: nessuno che si sia fatto forza di essere “fuori” dall’establishment invece di andarne a cercare sostegno e alleanze, nessuno che abbia detto “proviamoci”, come è appunto successo altre volte. E non è da farne una colpa, evidentemente a questo giro nessuno ci ha creduto, ne è stato motivato. Mi dispiace molto per gli eventuali giovani speranzosi e di buona volontà che a differenza di quelli che in anni passati trovarono qualche eccitazione e coinvolgimento nelle candidature dette, adesso guardano quel che succede con la stessa estraneità di ieri. Ma forse anche loro hanno di meglio da fare.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Abbonamento mensile
8 euro
Abbonamento annuale
80 euro
Altre cose: