Andiamo avanti tranquillamente

Sono molto d’accordo con le cose che ha scritto Francesco Costa sulle scelte del PD, e sono molto d’accordo con i toni interrogativi e prudenti con cui le ha scritte: penso infatti che le ragioni delle persone favorevoli a un accordo tra il PD e il M5S siano nella gran parte sagge, rispettabili, argomentate, in buona fede. Più dell’anno scorso queste ragioni si basano su motivazioni di lungimiranza e responsabilità e sono consapevoli del rospo che stanno ingoiando: per esempio a questo giro quasi nessuno ha la fantasia di dire che il M5S sia un partito di sinistra o che condivida molto col PD.
Questo per dire che non ho certezze, che so di sbagliarmi spesso, e che mi auguro che le cose vadano bene, qualunque cosa (e massimo rispetto e solidarietà per chi ci sta provando e prendendosi dei gran rischi). Però ho tutte le diffidenze di Francesco che quindi non ripeto, più due, che aggiungo.

La prima dubita dell’argomento principale a favore: ovvero che l’accordo indebolisca Salvini e gli impedisca di vincere delle eventuali elezioni. Col realismo accessibile a chiunque, una maggioranza tra PD e M5S ha il fiato cortissimo: le stesse ragioni che l’hanno finora resa implausibile, improbabile, difficile da raggiungere, in discussione tuttora (ragioni riconducibili in massima parte alle rigidità, capricci e mediocrità politica e umana dei dirigenti del M5S) non spariranno domani. Saranno la quotidianità, molto di più che con la Lega (che non aveva niente da perdere a tirare la corda), e a quelle si sommeranno l’entrata in servizio del quotidiano logorìo da parte dei media, col governo “a un passo dalla crisi” ogni giorno, e il fuoco a pallettoni della Lega e dei suoi manipoli di sicari pubblici, giornalistici, televisivi, internettari: ogni giorno sarà inciucio e compagnia, e italiani plagiati a ringhiare contro qualunque cosa faccia il governo, un governo perfetto per tempi in cui disprezzare i governi. Più la Bibbiano da inventare alla bisogna, e la regione Umbria che non ci sarà bisogno di inventare. Aggiungete un PD fragile e percorso da guerre per bande e ognun per sé, e mancherà qualunque solidità per poter reggere tutto questo.
Nel frattempo Salvini si troverà nella stessa condizione che ha portato il M5S a stravincere le ultime elezioni: un potere politico da tiro al piccione contro cui sbraitare ogni giorno, e di cui dirsi unico avversario e grande vittima.
Risultato realistico di questa eventuale intesa, insomma, questo: Salvini che invece che vincere le elezioni a novembre 2019 stravince le elezioni a novembre 2020. Speranza di scongiurarlo legata solo all’imprevisto e al fatto che di imprevisti ultimamente ne capitano parecchi, come abbiamo scritto sul Post qualche giorno fa. Quindi non da escludere, e può darsi che questa sia la strategia della leadership del PD, sperare che capiti qualcosa che chissà: l’unica con qualche senso, nella sua disperazione (alcuni assidui sanno che sono un convinto credente nell’accidente che ribalta tutto).

La seconda diffidenza che ho – a cui Francesco implicitamente allude, ma la estendo – riconosce come sensate tutte le pratiche e spaventate ragioni che temono che le cose per l’Italia e gli italiani peggiorerebbero se ci fossero nuove elezioni e vincesse la Lega abbastanza da governare. Ma ha questa obiezione: che l’argomento “pratico e spaventato”, l’abbassamento dell’asticella, il turarsi il naso sempre di più, la paura del peggio che potrebbe arrivare, lo ha allevato e costruito, il peggio che è arrivato. Questo tipo di approccio il PD ce l’ha da sempre, e pure da prima di nascere: e gli ha tolto consenso e credibilità anno dopo anno e ha nutrito populismi, demagogie, indignazioni permanenti, qualunquismi e “antipolitica”. È chiedendo di accettare la sua povertà di fantasia, la sua incapacità di ripensamento di sé, la sua mancanza di lettura del presente e del futuro, la sua conservazione inerziale dei suoi meccanismi, perché bisognava “sconfiggere le destre” che il PD ha mandato gli elettori altrove, dalle destre. Le ha create e nutrite. L’unico momento passeggero di successo del PD – a prescindere dai modi della sua genesi, su cui ebbi e ho molto da ridire – è avvenuto quando il PD l’ha alzata, l’asticella, si è mostrato con persone e progetti diversi e che suggerivano radicali cambi di approccio e ruolo: che poi quei progetti siano stati riempiti solo in parte e abbiano pagato una serie di tare originarie e inadeguatezze successive è un altro paio di maniche (e che oggi si siano ridotti a un gruppo di piantagrane senza prospettive per sé né per noialtri). Ma il PD che si adegua a tappare le falle è invece un PD che ha fatto aprire ogni volta falle più grosse, e il PD che si dispone a essere calpestato è un PD che viene calpestato ogni volta da scarponi più grossi. L’idea che qualcosa sarebbe successo e tutto sarebbe tornato al suo posto non ha funzionato: quando è calato Berlusconi, gli italiani non sono tornati dal PD, sono andati dal M5S. Quando è calato il M5S gli italiani non sono tornati dal PD, sono andati da Salvini. Se mai calasse Salvini gli italiani andranno da qualcuno di peggio, se l’alternativa è un partito che sa solo aspettare che tornino e consegnarsi sventatamente alla propaganda del qualcuno-di-peggio di turno.

Qui arriva la risposta di qualcuno: ma se va al governo il PD avrà modo di riguadagnare consenso, e all’opposizione Salvini si spegnerà.
Rileggetela.

Poi magari qualcosa succede. Davvero. C’è solo un po’ di nebbia, che annuncia il sole.

 

Altre cose: