Amato, il Marini del 2015

Quando Matteo Renzi concorse a sconfiggere la candidatura di Franco Marini alla presidenza della Repubblica, due anni fa, si fece pubblico e vistoso interprete di una sensazione che quella candidatura andasse contro i forti desideri di rinnovamento che animavano molti... Continua

Three nights in Bangkok

Three nights in Bangkok

Al centro della zona commerciale di maggiore espansione e vivacità di Bangkok, sull’angolo opposto del grattacielo Park Ventures che ospita il lussuoso Hotel Okura, se guardate l’isolato su Google Street View, non c’è niente.  Una specie di vuoto circondato da... Continua

Da paura

Un esempio piuttosto vistoso della linea editoriale “allarme, enfasi e terrore” che ispira i maggiori quotidiani italiani è il confronto tra le prime pagine europee di oggi. I quotidiani italiani danno grande spazio a una frase di Alexis Tsipras confezionata... Continua

Le parole esatte

Se come leggo il ministro Gentiloni ha formulato la questione dei rischi potenziali in questo modo, io non capisco cosa ci sia di scandaloso – ma nemmeno di errato – nelle sue parole, che oggi fanno molto notizia. “Ci sono... Continua

Cofferati contro il PD, ma il suo

Io credo che Cofferati abbia ragione su diverse cose. È convincente che nello svolgimento delle primarie liguri ci siano state cose che non corrispondono esattamente all’idea democratica e costruttiva con cui sono state pensate le primarie. È un’impressione assai condivisa... Continua

La parabola del pugno

La parabola del pugno

Nessuno pensa che Papa Francesco volesse esporre la dottrina della Chiesa in una conversazione tra amici su un aeroplano, né che le sue parole mutino il pensiero cattolico su libertà o uso della forza. Quello che è discutibile e viene... Continua

Dite loro che questo è il pugno del Papa

Sulla spiazzante frase di Papa Francesco sui pugni che aspettano chi insulta le mamme, non avrei saputo spiegare i miei perplessi pensieri meglio di come fa oggi Massimo Gramellini. So bene che il Papa non intendeva dire questo. Ma questo... Continua

Tra persone educate

Il Corriere della Sera ha fatto una cosa probabilmente benintenzionata che si sta risolvendo in una scorrettezza molto imbarazzante, e molto criticata su internet questa mattina, dopo che alcune vittime della scorrettezza l’hanno segnalata e hanno protestato. In breve, il... Continua

Con la consapevolezza

Ho un esempio concreto e del tutto accademico – così non ci facciamo distrarre dal singolo caso – da sottoporre ai critici del progetto di legge sulla diffamazione che si lamentano che preveda delle multe troppo alte (di altre cose... Continua

Io sono Charlie, spiegato bene

Chiedo scusa per la brevità e l’apparente ovvietà del post, ma con mia stessa meraviglia si direbbe ce ne possa essere bisogno. “Io sono Charlie” vuole dire che “io sono perché Charlie sia sempre libero di pubblicare quello che ritiene”.... Continua

Provo a pensare

L’attentato di mercoledì a Parigi ha riaperto molte diverse discussioni eterne e forse irrisolvibili, su cui però si può provare a pensare in modo indipendente dagli opprimenti dolore e rabbia (è assurdo che persino li si debbano ricordare) generati dalla... Continua

La legge sulla diffamazione non va bene

Sul progetto per una nuova legge sulla diffamazione organizzammo una proficua discussione a Pescara, a novembre, con persone esperte e di opinioni diverse. Ma trovammo alcune condivisioni, e da allora mi ero messo da parte alcuni appunti per spiegare semplicemente... Continua

Questo articolo non avreste voluto leggerlo

Un pezzo del New Yorker sull’importanza della titolazione giornalistica mette per iscritto una cosa che in parte sappiamo e che ha conseguenze rilevantissime che però vorremmo rimuovere: ovvero che sono soprattutto i titoli degli articoli a influenzare la nostra percezione del... Continua

Fenomenologia del giocatore di Trivial Pursuit

Con le feste, non bastassero tutte le altre manifestazioni di tensione familiare, aleggia sempre il rischio della partita di Trivial, gioco che divide gli umani in due categorie: quelli che vivono malissimo il non sapere una risposta – il 94%... Continua

«Tu scrivilo, poi vediamo»

Poi ci saranno sviluppi, magari, e con notizie certe si scriveranno cose certe: ma intanto vedo che su Le Monde – quotidiano francese – le persone investite a Nantes sono una piccola notizia laterale, e che su Libération – quotidiano... Continua

Hits 2014

Undicesima edizione della classifica delle canzoni più ascoltate sui miei vari apparecchi e conteggiate su iTunes in un anno. Dreams, Boots and Beyoncé, 24 The Greatest Bastard, Damien Rice, 21 Night Is My Friend, Tracey Thorn, 21 Ladybird, Natalie Merchant, 20... Continua

Phileas Fogg

Questa storia è così, che sembra finta: una coppia di fidanzati di Toronto aveva prenotato un viaggio intorno al mondo, insieme. Poi si sono lasciati, e il viaggio non poteva essere rimborsato né cambiato rispetto ai termini della prenotazione. Così... Continua

That’s how I got to Memphis

That's how I got to Memphis

Il 24 giugno 2012 la rete americana HBO trasmise la prima puntata di The Newsroom: non mi ricordo, ma doveva essere circolata online come “pilota” qualche giorno prima, perché la prima volta che ne scrissi qui fu già il 25... Continua

Riduco le conseguenze lesive dell’onore

Ho ricevuto questa mattina da uno studio legale per conto dell’onorevole Micaela Campana un’”istanza di rettifica” a un mio post della settimana scorsa. La pubblico volentieri perché ognuno giudichi da solo, e perché mi pare consolidi quello che avevo scritto... Continua

25 books, una lista per Natale

25 books, una lista per Natale

Ho lì da un pezzo questa cosa, di mettere insieme una lista di libri a cui attingere quando voglio regalare un libro a qualcuno o quando devo risolvere all’ultimo momento – sempre – dei regali di Natale. Poi non la... Continua