Articoli su: Giornalismo

E una notte con il caporedattore, no?

Al Washington Post adesso si sono inventati un concorso per potenziali opinionisti del giornale. Mi pare che si stia andando verso una totale schizofrenia: da una parte il-giornalismo-è-roba-da-profesisonisti e dall’altra chiunque-può-fare-il-nostro-lavoro. Continua

Il privato è pubblico

A un vicedirettore del Washington Post sono sfuggiti i rischi del suo disinvolto uso di Twitter, e quando si è ricordato di essere un vicedirettore del Washington Post ha deciso di chiudere l’account. Il garante dei lettori del giornale affronta... Continua

Giornalista? A me?

Adesso stiamo esagerando col panico da professione in via d’estinzione. David Pogue del New York Times – sotto accusa per conflitto di interessi – si chiama fuori dalla categoria dei giornalisti. “Since when have I ever billed myself as a... Continua

Cane morde uomo

L’aggressione dello studente sul bus di Belleville è discussa da ieri sulle news americane. Le ricostruzioni di ieri sera affermano che non ci siano implicazioni razziste. Andrà ancora verificato, ma al momento la versione è questa. A violent attack on... Continua

Notizie che non lo erano

La settimana scorsa un “Accademia Internazionale delle discipline analogiche Stefano Benemeglio” che promuove terapie con ipnosi e corsi a pagamento a cura del suo titolare, ha diffuso un comunicato stampa pubblicitario di se stessa e delle sue pratiche. Stefano Benemeglio... Continua

Sanzionami questo

Ad agosto, i sondaggi “signora mia” impazzano. Oggi il Giornale ne ha uno sugli inglesi che farebbero poco sesso e per questo diventano obesi. Al Giornale naturalmente un sondaggio con tanto di sesso e irrisione per la perfida Albione è... Continua

Appunti per un quotidiano da fare

Quando chiamano dal calendario Pirelli per dire che loro pagano un viaggio in Polinesia a un giornalista se voi poi pubblicate un pezzo sullo stantìo e insignificante calendario Pirelli, e vi danno delle foto con tante tette così voi potete... Continua

In piena facoltà, egregio Presidente…

“Le inchieste si portano fino in fondo: non si buttano lì le domande, e dopo due giorni si rinuncia”, mi ha detto Arianna Huffington qualche tempo fa. Ed è vero che l’Italia è il posto dove qualunque frase sensata deve... Continua

Andarci piano

La vicenda Berlusconi-Noemi è appassionante per molti e fa venire l’acquolina in bocca. Però merita maggiori cautele che mai, e non minori. Il Times ha pubblicato l’altroieri un punto della vicenda piuttosto completo e accurato, che conteneva una frase abbastanza strana... Continua

Notizie che non lo erano

Lunedì scorso il Corriere della Sera ha pubblicato un articolo intitolato “L’ultima battaglia di Curcio: contro l’Inps per la pensione”. Il titolo suggeriva che l’ex capo delle Brigate Rosse volesse una pensione che l’Inps non gli dà, e avesse ingaggiato... Continua

Appunti per un quotidiano da fare

Non si chiudano risentiti a riccio gli amici che ho a Repubblica: questa cosa la potrebbe scrivere chiunque ogni giorno (persino farne una rubrica), e diverrebbe forse noioso. Ma un giorno ogni tanto, ricordare come stiamo messi magari aiuta. Magari.... Continua

Non sono stato io, è stata internet

È  un‘abitudine molto comune, molto umana, quella di pretendere dal nuovo molto più di quello a cui ci ha abituato il vecchio. In ogni novità vediamo grandi difetti, ma gli stessi difetti abbiamo smesso di criticarli nello status quo. Un... Continua

L’immaginazione a Largo Fochetti

Questo è un tipico caso da “sono tutti contromano in autostrada o sono io?”. Ditemi se mi sfugge qualcosa. Nel paginone centrale di Cultura di Repubblica c’è un articolo di Citati dedicato al ’68. L’articolo si intitola “Il centenario del... Continua

Notizie che non lo erano

Non è “uno dei Power Rangers” l’attore condannato in California per omicidio, come scritto da alcuni siti di news. Ma solo uno che recitò una volta in un episodio della serie, senza peraltro dire una battuta (“Era l’idolo di milioni... Continua

Appunti per un quotidiano da fare

Le brevissime, i boxini di alleggerimento, le fotine con didascalia, che ormai diversi quotidiani mettono nella striscia alta della pagina, metterle invece in basso, casomai: che non c’è bisogno di sporgersi per leggerle Continua

Comportarsi bene

Scrivo due cose che non c’entrano niente l’una con l’altra, se non che ho aspettato qualche giorno per cercare di non suonare precipitosamente polemico, e di non offendere nessuno. La vignetta di Biani su Brunetta era brutta, e su questo... Continua

Paris, Texas

Nel paese che vorrei ci sarebbero i giornali che trattano delle elezioni americane raccontando la questione razziale e i giornali che la raccontano con una pagina su Paris Hilton. Per tutti i gusti, anche se sono convinto che la seconda... Continua