Poteri deboli

A margine della cosa sulla crisi dell’autorevolezza che avevo scritto qui, aggiungo una piccola riflessione minore. I tre poteri maggiori vigenti nelle nostre democrazie – la politica (legislativa ed esecutiva), la giustizia, l’informazione – sono tutti stati messi in discussione... Continua

Informazioni di Vincent

Per tutto il weekend ho avuto in testa quella vecchia canzone di De Gregori, per via che ero alla festa di Internazionale a Ferrara e c’era Angela Davis: una foto di Angela Davis muore lentamente sul muro Poi dice anche... Continua

Rozza manomissione

Un lettore del Post laureando mi ha segnalato come molte delle cose che notiamo oggi nel linguaggio giornalistico vengano da lontano e fossero state citate in un saggio del linguista Tullio De Mauro contenuto in una estesa Storia della stampa... Continua

La fine dell’autorevolezza

Malgrado la estesa concorrenza, tendo a pensare che il più grande problema del mondo di questi tempi sia la fine dell’autorevolezza, demolita strumentalmente dal concorso di sforzi di chi non la vuole accettare essendone escluso e di chi l’ha tradita... Continua

Quella cosa delle fonti

La lezione preziosa di questa storia è che ora ci possiamo domandare: se è andata come è sospettabile, quante altre volte leggo sui giornali notizie che arrivano strumentalmente da fonti interessate? E possiamo spiegare quanto sia importante quello che a... Continua

Materiali di risulta

Il modo in cui molte delle maggiori testate giornalistiche hanno affrontato finora l’accusa di stupro contro due carabinieri a Firenze è sinceramente incredibile, nel 2017: è come se le pagine di denuncia contro la violenza sulle donne, contro il femminicidio,... Continua

Quello che sappiamo, lo sappiamo dai titoli

Il titolismo è ormai una categoria a sé del giornalismo contemporaneo. Lo è sempre stato, ma negli ultimi anni il distacco e l’autonomia dell’informazione trasmessa attraverso i titoli rispetto a quella propria degli articoli sono cresciuti straordinariamente soprattutto per due... Continua

Chi ha perso, su “Mafia capitale”

Chi ha perso, su "Mafia capitale"

Ricapitoliamo, ci sono tre notizie nella sentenza del processo alla cosiddetta “Mafia capitale”. 1. Sono stati condannati molti degli accusati, e confermate le accuse e i reati individuati dall’accusa. Notizia numero uno. 2. È stato negato il tratto mafioso di... Continua

Qualcuno deve pur farlo

Sono circolati molti temi che hanno a che fare col giornalismo e con l’informazione questa settimana, collegati tra loro in piccole o grandi parti. Faccio un pastone un po’ scalfariano della domenica di riflessioni e analisi logiche che magari servono... Continua

Piccole balle esemplari

Piccole balle esemplari

La Columbia Journalism Review ha fatto una paziente indagine su come sia arrivata sui grandi giornali (in questo caso pure alcuni americani, oltre che naturalmente gli italiani) la bufala sulla squadra dei Golden State Warriors che aveva rifiutato un invito... Continua

A Milano, una decina di giorni fa

A Milano, una decina di giorni fa

Nessuno sa, tranne gli interessati, se ci sia stato un incontro tra Matteo Salvini e Davide Casaleggio: notizia che, pubblicata in prima pagina stamattina da Repubblica, è stata ripresa con eccitazione da quasi tutti i siti di news, dagli altri... Continua

L’orologio del presidente (un decennale)

L’orologio del presidente (un decennale)

All’inizio di giugno del 2007 l’allora presidente degli Stati Uniti George W. Bush fece un viaggio ufficiale in Albania (dopo essere stato in Italia), dove venne accolto con grande entusiasmo da tanti albanesi a cui andò incontro per strada, abbracciando... Continua

Balene che lo diventano

Balene che lo diventano

La storia di “Blue Whale” è drammaticamente esemplare delle complicazioni conseguenti alla diffusione su grande scala delle notizie false da parte dei media tradizionali (non “di internet”): in Italia non risultavano casi – malgrado la storia girasse online da molto... Continua

Una piccola storia di panico

Una piccola storia di panico

Sabato sera ero a Londra. Venerdì sera avevo cenato in un chiosco argentino al Borough Market, sabato mattina avevo girato per il mercato affollato, fatto colazione lì, poi preso un autobus accanto a dove sabato sera il furgone è andato a... Continua

La rivincita dei nerd

Massimo Mantellini ha notato con soddisfazione come un suo post sul blog di alcuni mesi fa abbia avuto ancora ieri molte visite, concludendo che la capacità di permanenza e di guadagnare nel tempo nuovi lettori da parte dei post sui blog... Continua

Tu chiamala se vuoi post verità

C’è un articolo di Alessandro Baricco sulla “post verità” nell’inserto di Repubblica che si chiama Robinson (in due parti, qui e qui). Vale la pena leggerlo perché Baricco è più intelligente della maggior parte di noi e ha sempre osservazioni brillanti... Continua

Ma alberi

Una breve riedizione delle Notizie che non lo erano, in lode della Gazzetta di Parma. Lunedì in una città del New Jersey è cominciato lo sradicamento e distruzione di una vecchissima quercia, la più vecchia degli Stati Uniti del suo... Continua

Cose che restano

Quello che si è saputo ieri sull’inchiesta su Consip e su Tiziano Renzi – sempre prendere tutto con le molle: ma abbastanza credibile, per i suoi tratti – è soprattutto uno spettacolare twist teatrale e narrativo, prima che politico. La... Continua

Disobbedire agli Ordini

Non sono quasi mai d’accordo con i difensori a spada tratta e petto in fuori dell’Ordine dei Giornalisti: non perché escluda che un Ordine dei Giornalisti non possa aiutare a tutelare sia i diritti dei giornalisti che quelli dei lettori (giornalisti... Continua

Chiacchiere, e distintivo

Era uno dei casi più esemplari di molte delle dinamiche sulle notizie false nei giornali, tra quelli raccontati in Notizie che non lo erano: lo riassumo al minimo, qui c’è il resto. Una ragazza nera della Louisiana aveva raccontato di essere... Continua