Articoli su: Michele Serra

La bile dei secondi

Un po’ alla volta si comincia a dire che la narrazione per cui rabbia, risentimento, egoismo e aggressività che affollano questi tempi sarebbero tutti spiegabili con le ragioni degli ultimi e degli sfortunati è molto parziale ed elusiva, e spesso... Continua

Giornalisti in animoso cimento

In appendice a un passaggio del post di ieri (“credo che le bullaggini di Di Maio per i giornali siano solo benvenuta pubblicità e alibi al vittimismo autopromozionale”), cito la divertente versione che ne dà oggi Michele Serra, sollevando tutti... Continua

Di cammelli e crune

Poi possiamo continuare ad articolare lungamente su cosa sia successo e cosa stia succedendo e quale sia il problema e che ci si debba mettere a cercare soluzioni, e scrivere post lunghi e complessi come è necessario per capire le... Continua

La vita, lo stile e le mucche

79 pagine è un’ottima lunghezza per un libro da leggere di questi tempi e in queste vite: io, almeno, non finisco un libro da 200 pagine quasi mai (e sta diventando una cosa diffusa, vedo). 79 pagine di Michele Serra... Continua

Scartare di lato

Michele Serra ha un trucco dialettico che padroneggia infallibilmente: come quei calciatori che – nel momento che tu gli ti pari davanti convinto che controllerai il tuo istinto di allungare il piede per toglier loro il pallone, convinto perché sai che loro... Continua

In un dibattito, ci si ascolta

Da diversi anni, parlando dei cambiamenti introdotti dall’uso di internet nelle vite di tutti, penso che ci sia un problema di mancata comunicazione tra chi ne parla e scrive, e tra le reciproche esperienze (“Sono vent’anni che lo dico!”: sto... Continua

Élite ed eletti, sono la stessa parola

«Finiremo per rimpiangere le élites», dice Michele Serra nella sua rubrica di oggi, entrando con prudenza nel terreno delle complicazioni della democrazia populista, quella per cui tutto ciò che è di ampio consenso e popolare è buono, e quello che... Continua

La grande Cazzata Accidentale

Michele Serra oggi commenta la storia dell’assessore lombardo che ha combinato un guaio e rovinato una tela del Settecento, per sbaglio. Dove l’uso dell’espressione “per sbaglio” ha un senso diverso da “per caso”, e non insignificante: Serra saggiamente spiega come... Continua

Improvvisare l’autorevolezza

Nel suo bel libro su padri e figli, vecchi e giovani, e adolescenti contemporanei, Michele Serra mette cose divertenti e cose intelligenti, riflessioni spicce che fanno ridere e intuizioni autocritiche che fanno pensare (o viceversa, anche). A un certo punto... Continua

Promemoria

Berlusconi non è stato destituito dal Quarto Stato di Pellizza da Volpedo, o dalla Fiom con le bandiere in resta, o dagli indignati vittoriosi e costituiti in Direttorio in collegamento con Santoro; ma da una vecchia élite borghese con i... Continua

Sinistra, giornalismo e orifizi

Quello che oggi scrive Michele Serra a proposito della scintilla che ha fatto nascere una stupida polemica ieri è giustissimo. Tutti quanti, lettori e giornalisti, twitter e media tradizionali, hanno preferito eccitati parlare di insulti, zizzanie e culi piuttosto che... Continua

Merce avariata

Michele Serra, oggi: Se questo avviene è solo perché il potere (anzi: il dovere) di scegliere che cosa mostrare, di che cosa parlare è progressivamente venuto meno fino a scomparire dentro l’alibi – davvero ignobile – che bisogna “dare alla... Continua

Nostalgia canaglia

Michele Serra oggi scrive una cosa spiritosa e divertente ma che temo non corrisponda per niente alla realtà. Berlusconi deve annoiarsi molto (solite cene eleganti, soliti processi) perché si fa vedere in giro più spesso, accontentandosi anche di inquadrature frettolose,... Continua

Nubi di ieri sul nostro domani, odierno

Scriverò anch’io una cosa a margine della rubrica di Michele Serra su Twitter, benché le due o tre cose sensate che si potevano dire su quella siano già state dette da altri, un po’ perse nella montagna di commenti spesso... Continua

Satirìasi

La storia di Vasco Rossi e Nonciclopedia è naturalmente traboccata in una notizia di categoria “celebrities”, ma pone una vecchia questione importante – la pretesa di indipendenza da ogni regola di ciò che si autodefinisca “satira” – e la mescola con nuove... Continua

Il re è nudo

La storia della lista dei parlamentari gay non racconta niente del nostro parlamento e niente dei gay: ma parecchio dei nostri media, ormai vittime del meccanismo di promozione della fuffa che hanno creato. Basta leggere il candore con cui venerdì... Continua

Il complesso di inferiorità della destra

In questi giorni vedo cose citate in Un grande paese ovunque, e mi perdonerete: ho trascurato il libro nei mesi scorsi e mi tornano buone per le molte presentazioni delle prossime settimane. Una delle poche che avevo fatto era stata... Continua

Del nostro peggio

Il “segreto” del successo di Murdoch, per Bernstein, è uno solo: l’abbassamento vertiginoso della qualità giornalistica, fino a sostituire alla “faticosa ricerca della verità” quella parodia della realtà che è il gossip. Nel nostro piccolo, anche in Italia abbiamo sperimentato... Continua

Priorità

Esultare perché l’avvocato Ghedini se ne torna con le pive nel sacco a risistemare i suoi scartafacci va benissimo; ma vedere gli operai di Torino scannarsi tra loro per salvare i conti di Marchionne, e uno che piange, uno che... Continua

Creduloni e ciarlatani

La discussione sull’allarmismo smodato che fu prodotto da uno sforzo congiunto di politica, organizzazioni mediche e scienziati sull’influenza suina è complicata. Ci sono autorevoli scienziati che pur riconoscendone l’esagerazione sostengono che fu un’esagerazione prudente e anche benefica nel diffondere cautele.... Continua